Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

9 aprile 2018

Benvenuta Chiara

Benvenuta Chiara

***

Quanno t’ho visto abbraccicà Chiaretta,

spettacolo d’amore, cinto ar petto,

io t’ho arivisto quann’eri un bimbetto

sur passeggino e ar monno dije “aspetta”. 

***

Quer regazzino, l’occhi da furbetto,

è diventato padre, e ‘sta pupetta

che se la tiè su ar còre bella stretta,

è pari a lui quant’a batuffoletto.

***

Co l’occhi schiusi ar monno  che arischiara,

e gnente cià più granne luccichio,

de lei che a ciuccià er latte intanto impara.

***

Regalo che pò solo donà Dio,

pe voi Andrea e Vincy, e er nome è Chiara

de cui me sento ufficiarmente zio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Quanno t’ho visto abbraccicà Chiaretta,
    spettacolo d’amore, cinto ar petto,
    io t’ho arivisto quann’eri un bimbetto
    sur passeggino e ar monno dije “aspetta”. … (continua)

    Comment by Stefano — 9 aprile 2018 @ 22:22
  2. Benvenuta al mondo a ‘sta creatura, l’amata nipotina di zio Stefano!

    Comment by Silvio — 10 aprile 2018 @ 08:30
  3. Auguri di benvenuta a Chiara, congratulazioni ai genitori Vincy e Andrea e felicitazioni allo zio Stefano.

    Comment by 'svardo — 10 aprile 2018 @ 08:41
  4. Benvenuta Chiara! Che il Signore, che ha fatto questo regalo ai tuoi genitori, ti benedica sempre insieme alla tua famiglia!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 10 aprile 2018 @ 12:51

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>