Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 maggio 2018

Un novembre mascherato

Un novembre mascherato

***

‘Sto maggio è più novembre immascherato,

ar punto che te viè com’er sospetto,

ch’è tempo de addobbà ‘gni angoletto

che sembra che Natale sia tornato.

***

Ciclone islannese co l’effetto

de autunnà de novo già ‘gni prato,

che s’era appena appena già ‘nfiorato,

ner tinteggià der verde più perfetto.

***

E invece mó aritorna a fà la brina,

co l’arberi d’attorno a fà l’inverno

quanno che abbuja pure de matina.

***

Le foje verdi fanno un giallo esterno,

ma vòi vedé ch’è tutto se arlecchina

p’er verde oro der novo Governo?

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. ‘Sto maggio è più novembre immascherato,
    ar punto che te viè com’er sospetto,
    ch’è tempo de addobbà ‘gni angoletto
    che sembra che Natale sia tornato. … (continua)

    Comment by Stefano — 16 maggio 2018 @ 05:40
  2. … autunnà de novo già ‘gni prato,
    che s’era appena appena già ‘nfiorato …
    E’ musica Stè, pura poesia di timida primavera!

    Comment by Silvio — 16 maggio 2018 @ 10:31
  3. Stefano sei un GRANDE! E’ un sonetto favoloso! Gli ultimi due versi poi sono da incorniciare “…ma vòi vedé ch’è tutto se arlecchina
    p’er verde oro der novo Governo?” Ma certo: siamo una repubblica di burattini!
    Buona Giornata!

    Comment by maria letizia — 16 maggio 2018 @ 11:24
  4. Grazie Letizia e Silvio. Grazie di cuore

    Comment by Stefano — 16 maggio 2018 @ 17:04

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>