Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

10 giugno 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e li scribbi”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e li scribbi”

***

Gesù era attorniato da la folla,

ner mentre che operava granni “segni”,

li scribbi co li còri come legni

diceveno come a emanà ‘na bolla …

***

… è satana che je dà ‘sti contegni,

ma Lui poi j’arispose: “Quale molla

cià satana a scaccià chi se l’accolla,

nun c’è sta regno che diviso regni”.

***

E continuava a dì che ‘gni peccato

anch’er più assurdo co un ber còre affranto,

sarà da Dio de certo perdonato.

***

Ma la bestemmia a lo Spirito Santo

de odià l’Amore e tutto quer ch’ha dato,

nun verà perdonata, manco a pianto.

 ***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Gesù era attorniato da la folla,
    ner mentre che operava granni “segni”,
    li scribbi co li còri come legni
    diceveno come a emanà ‘na bolla … (continua)

    Comment by Stefano — 10 giugno 2018 @ 09:24
  2. “Tutti i peccati saranno perdonati ai figli degli uomini e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo, non avrà perdono in eterno»: perchè lo Spirito Santo è l’AMORE DI DIO!
    Bellissimo anche oggi il sonetto sul Vangelo!
    Buona e Santa Domenica a tutti.

    Comment by maria letizia — 10 giugno 2018 @ 10:53

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>