Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 giugno 2018

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****

  1. Ritorna sempre, come ‘na cambiale,
    t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,
    ma come che? Er lunedì matina,
    pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 giugno 2018 @ 04:32
  2. …Su, su in fondo mancano solo quattro giorni al venerdì! Buona Giornata e Buon Lunedì a tutti!

    Comment by maria letizia — 18 giugno 2018 @ 10:32
  3. E’ come una medicina cattiva, se ne sente il saporaccio in bocca ed è ripugnante anche il retrogusto. Ahò il lunedì è così purtroppo, arriva puntuale e dobbiamo farcene una ragione, va affrontato come nella vita tutte le cose meno piacevoli. A nottata ha da passà…

    Comment by Silvio — 18 giugno 2018 @ 10:32

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>