Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

5 luglio 2018

Nun risparmià un soriso

Nun risparmià un soriso

***

Nun lesinallo mai, dico, er soriso,

anche quanno te costa ‘na fatica,

perché lo devi fà a chi, poi, mica

se lo merita tanto quer tuo viso.

***

Ascorta questa mia parola amica,

nun trattenello mai pe te, quer riso

ch’hai da improntà pe sempre a l’improviso,

de còre e pieno e Dio te benedica.

***

Perché quela perzona a cui è rivorto,

che tu magara penzi nun lo vale,

si sta così è propio pe un risvorto …

***

… de chi ha vissuto sempre a inzeguì un sogno,

d’avé quarcuno che, de naturale,

je soridesse … e più ce n’ha bisogno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun lesinallo mai, dico, er soriso,
    anche quanno te costa ‘na fatica,
    perché lo devi fà a chi, poi, mica
    se lo merita tanto quer tuo viso. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 luglio 2018 @ 05:39
  2. Come sapientemente recita la splendida poesia “Il valore di un sorriso”, esso arricchisce chi lo riceve senza impoverire chi lo dona, è una dinamica win-win, dove tutti ci guadagnano qualcosa, è insomma un moltiplicatore di positività in quanto trasmette energia positiva.

    Comment by Silvio — 5 luglio 2018 @ 09:52
  3. Regalare un sorriso (e non solo a chi ne ha bisogno) è qualcosa che non costa niente, ma arricchisce chi lo dona e chi lo riceve! Buona Giornata e tanti sorrisi a tutti!

    Comment by maria letizia — 5 luglio 2018 @ 11:14
  4. Arigala’ ‘n sorriso e ‘ncontra’ chi t’o ritorna è ‘n’alleggerimento d’o spirito; è come, de prima matina, dichi ‘n ber BONGIORNO a la prima persona che ‘ncontri.

    Comment by 'svardo — 5 luglio 2018 @ 14:30

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>