Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 maggio 2010

L’insurto a Roma

insurto

L’insurto a Roma

***

A Roma è er concetto de l’insurto,

che nun è quelo der resto d’Itaja,

qui ne la capitale, nun se sbaja,

l’epiteto cià ‘n’artra forza d’urto.

 ***

La parolaccia a Roma è ‘na mitraja,

pe tanti se pò dì ch’è quasi un curto,

e nun ce sta nè grazzia e né l’indurto,

quanno t’ariva addosso, te se scaja.

 ***

Còrpisce l’antenati fino ar nonno

pe poi passà a la madre e a la sorella,

er cui mestiere è er più antico der monno.

 ***

E co li sessi quasi ce stornella,

spedisce a quer paese in un seconno,

 ma  quanno dice “stronzo”  vince quella.

***

Stefano Agostino

__________________________

 

  1. Fenomenale! Ma soprattutto veritiero. Qui a Roma la PAROLACCIA non è un insulto per forza, può essere anche un complimento bonario, un’espressione affettuosa, perfino un saluto goliardico. Questa natura sta proprio nella parlata stessa, esuberante e colorita, che più che un dialetto potrebbe definirsi, come dire…, una “complicità”!

    Comment by Silvio — 14 maggio 2010 @ 09:21
  2. A legge ‘sto sonetto m’è arivenuto ‘n mente l’incontro tra du’ amici che nun se vedeveno da ‘n po’ de tempo. Il luogo: la hall di un prestigioso albergo di Roma. I due s’ariconoscheno da lontano e ner mentre s’avvicineno esclameno. “ma li mort…tua” … “te possino ammazzatte” … “Str…” … “Ma guarda ‘sto fijo de mig…. come sta bene”; il tutto a voce alta. Poi giù pacche sulle spalle e abbracci. Io ridevo, ma molti astanti erano rimasti dir poco, annichiliti.

    Comment by 'svardo — 14 maggio 2010 @ 09:37
  3. E poi fa bene, è tanto liberatorio…vuoi mette un bel “ma vaff’….” dopo ti senti sempre meglio.

    Comment by Federica_Perla — 14 maggio 2010 @ 09:45
  4. Fantastico Stefano!… li mortangorielli! (chi se lo ricorda?)

    Comment by luis60 — 14 maggio 2010 @ 11:39
  5. Io m’aricordo che da regazzino dicevo;”li mortanguerieri”. Guasi uguale a “luis60″. Evoluzione de li tempi.

    Comment by 'svardo — 14 maggio 2010 @ 12:08
  6. V’è capitato mai de snti’ di’: “parto anale”? Oppure: “cilindro fecale”? O pure, forse ‘n po’ volgaruccio, “escremento anale”? Quando l’ho sentiti p’a prima vorta so’ restato ‘n attimo perplesso, poi ho capito che voleveno di’ gentirmente … str..ano.

    Comment by 'svardo — 14 maggio 2010 @ 16:26
  7. Caro RomamoR, li mortanguerieri lo dicevamo pure noi, ma quann’eravamo piccoletti e tra de noi perchè all’epEca l’adulti menavEno pure pe n’allusione… mortangorielli, versione edulcorata, ce la facevano passà… se penso a quello che se dice oggi, li mortè (oddio che ho detto?)

    Comment by luis060 — 14 maggio 2010 @ 19:31
  8. A Roma si va anche oltre..a riprova che quel che sembra ‘insurto’ è solo intrecalare c’è l’autoinsurto tipo…quando uno vuol convincere qualcuno di qualcosa e dice…’dai retta a ‘sto str…’…troppo forti noi romani!!!

    Comment by Daniele Sololupo — 14 maggio 2010 @ 21:13
  9. L’aneddoto di ‘Svardo ricorda un incontro tra me un, adesso, carissimo amico che all’epoca conoscevo appena nel quariere. Inizio anni ’80, Porto Santo Stefano, io con la mia comitiva in un bar sulla spiaggia a caxxeggiare e Paolo, da solo, a giocare a flipper. D’un tratto si gira, ci riconosciamo e, senza conoscere i rispettivi nomi, allunghiamo il braccio e con la mano rivolta al volto dell’altro scatta, all’unisono, un fragoroso “Ma limo…ccitua, anvedi chi c’è”. I Romani a terra a ride, i fuori raccordo invece che si guardavano sbigottiti…

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 14 maggio 2010 @ 22:20
  10. avete detto tutto voi mort…mia come nun essè d’acordo poi col ’dai retta a ’sto str…’…

    Comment by pedro — 15 maggio 2010 @ 00:42
  11. e poi i film con tsssss tsssss à marecià tsss tssss
    er venticello mitico tss tssss

    Comment by PEDRO — 15 maggio 2010 @ 00:45
  12. LIMORTACCIVOSTRI ALE’ ALE’….. però! Rimane il mio insulto preferito agli interlaziali!

    Comment by Paolo — 15 maggio 2010 @ 11:13

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>