Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

7 luglio 2018

Trilussa: L’onestà de mi’ nonna

trilussa - l'onestà de mi nonna

L’onestà de mi’ nonna

***

Quanno che nonna mia pijò marito,

nun fece mica come tante e tante,

che doppo un po’ se troveno l’amante …

Lei in cinquant’anni nun l’ha mai tradito.

****

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito,

che je voleva fà lo spasimante,

je disse: “Ve arigalo sto brillante

se venite a pijavvelo in un sito”.

***

Un artra, ar posto suo, come succede,

j’avrebbe detto subbito: “Sò pronta”.

Mi’ nonna, ch’era onesta, nun ciagnede.

***

Anzi je disse: “Stattene lontano”.

Tanto che adesso, quanno l’aricconta,

ancora ce se mozzica le mano.

***

Trilussa

_______________

***

  1. Quanno che nonna mia pijò marito,
    nun fece mica come tante e tante,
    che doppo un po’ se troveno l’amante …
    Lei in cinquant’anni nun l’ha mai tradito. … (continua)

    Comment by Stefano — 9 luglio 2016 @ 06:40
  2. Hahahaha grande nonna!!!!

    Comment by laura — 9 luglio 2016 @ 07:05
  3. Bon sabato a tutti! Daje che a sto monno è tutto relativo; pure ‘a famosa Regina Vergine avrebbe perzo ‘a verginità pe ‘n’impero. Tutto tie’ ‘n prezzo!

    Comment by 'svardo — 7 luglio 2018 @ 08:08
  4. La seconda terzina di questo sonetto è un capolavoro!!!!
    Buon sabato a tutti!

    Comment by maria letizia — 7 luglio 2018 @ 13:30

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>