Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 agosto 2017

Riscossa

 riscossa

Riscossa

 ******

Quanno dài tanto e nun te viè mai reso,

quanno te spacchi in quattro e nun abbasta,

quanno ch’er monno attorno è più ’na casta,

che t’ha lassato fòri, appeso, steso…

 ***

Quanno ch’è l’ora ormai de dije BASTA,

d’arzà bandiera bianca de l’areso,

ché nun l’areggi più a portà quer peso

e ciài er morale peggio che a mezz’asta…

 ***

… Fa’ un ber respiro e guardete a lo specchio

e lì de fronte a te che sei arifresso,

prova a ditte così, prestanno orecchio:

 ***

“Quello ch’è stato è stato. E conta, adesso,

ch’io me so’ rotto er cazzo e de parecchio,

vojo penzà, da oggi in poi, a me stesso”.

 ***

E prima de struscià er fonno der secchio,

penzace tu a scaricà ner cesso,

chi t’ha trattato come straccio vecchio…

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. NOI SIAMO SEMPRE LEONI, NON SOLO PRIMA DEL DERBY :D :D :D

    Comment by Principessa — 28 febbraio 2012 @ 09:19
  2. FANTASTICO STEFANO, GAJARDO STO SONETTO!!!
    RIPIAMOSE,ARIARZAMOSE E COREMO!!!
    Quel che è Stato è Stato (li mortè, le tasse dello Stato!), lo sentite ‘sto vento? E’tempo di Fomento!!!
    SEMPREFORZAROMA!!! ROMAROMAROMAROMAROMAROMAROMA, DAJEEEEEEE!!!

    P.S. A Stè, me sa che non te funziona l’Antivirus… Me sa che er sito s’è beccato l’Aviaria…

    Comment by Luis — 28 febbraio 2012 @ 09:46
  3. Ce so’ corsi e ricorsi storici e inn questo la Roma è famosa.
    Seguitamo a fa’ l’artalena epperciò si doppo Cagliari avemo legnato de santa raggione l’Inter, la storia se pò aripete; doppo Bergamo la formellese. Co’ du botte de doppietta famo fòra er corvo olimpia.
    DAJE ROMA ‘N’HAI DA ESSE’ MAI DOMA. SPENNACCHIALI E SPERNACCHIALI!!!!

    Comment by RomamoR — 28 febbraio 2012 @ 11:27
  4. Aoh, sarà vero quello che scrive A. Catapano su “la rosea”?
    Si nun so’ chiacchiere destabilizzanti, significa che i giocatori se so’ rotte le sacre sfere co ‘sto matto.
    All’anima de lo spojatojio sereno.
    ROMA NUN FA’ LA STUPIDA E DAJE ROMA DAJE.

    Comment by RomamoR — 28 febbraio 2012 @ 11:39
  5. Sacrosanto quanto hai scritto, lo sottoscrivo in pieno Stè, in generale nella vita: …quello che è stato è stato! E io aggiungo: guardare sempre avanti, il passato non deve condizionare il futuro, conta solo il presente, la vita è breveee!

    Comment by Silvio — 28 febbraio 2012 @ 12:20
  6. Bello ‘sto sonetto, si applica alla nostra MAGGGGICA e alla vita:guardiamo avanti! Il pensiero del giorno è la fotografia della juve e del suo capitano: Buffon…i

    Comment by letizia — 28 febbraio 2012 @ 16:13
  7. Quanno dài tanto e nun te viè mai reso,
    quanno te spacchi in quattro e nun abbasta,
    quanno ch’er monno attorno è più ’na casta,
    che t’ha lassato fòri, appeso, steso … (continua)

    Comment by Stefano — 30 luglio 2017 @ 15:50
  8. “Quello ch’è stato è stato. E conta, adesso,
    ch’io me so’ rotto er cazzo e de parecchio,
    vojo penzà, da oggi in poi, a me stesso”.
    Facile a di’ ma, se uno è nato “coçion”, appena se leva da ‘o specchio, aresta conijo.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 11 agosto 2017 @ 07:58
  9. Ogni tanto bisogna dare un colpo di spugna ai parassiti! La foto del micetto che si specchia e vede che è un leone è proprio carina!
    Buona Giornata!

    La squadra che ho visto ieri non arriva neppure quinta.

    Comment by letizia — 11 agosto 2017 @ 11:02

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>