Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 aprile 2018

Chiude la stalla

 chiude la stalla

Chiude la stalla

******

‘Gni vorta che succede ‘na traggedia,

c’è sempre chi è bravissimo a stà a galla,

pronto com’è a chiude ormai la stalla,

a bovi usciti fòri de commedia.

***

Sa già come in futuro pò evitalla,

mentre se fa inquadrà da tivvù e media,

ma mai ‘na vorta che molli sedia

e córa in tempo pe turà la falla.

***

Ché prevenì è mejo de la cura,

è frase da pubbricità corente,

che vole spese folli pe curtura.

***

Ch’è assai mejo fà finta de gnente

e obbrigà a fà mette la cintura,

sortanto dopo er chioppo e l’incidente.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. … triste verità … ma la gente dimentica, in attesa della prossima tragedia …

    Comment by Elio Malloni — 16 aprile 2012 @ 08:49
  2. ‘Gni vorta che succede ‘na traggedia,
    c’è sempre chi è bravissimo a stà a galla,
    pronto com’è a chiude ormai la stalla,
    a bovi usciti fòri de commedia. … (continua)

    Comment by Stefano — 13 aprile 2018 @ 08:02
  3. Altra tipicità italiana: correre ai rimedi dopo che ormai il danno è stato fatto…

    Comment by Silvio — 13 aprile 2018 @ 10:07
  4. Prima di fare bisognerebbe pensare ed agire, quindi, di conseguenza! Ma a quanto pare il pensare non fa parte del dna di troppi.
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 13 aprile 2018 @ 10:20
  5. Che ce volemo fa’! No pe’ gniente è escito, a suo tempo, er proverbio: “Der senno der poi, so’ piene ‘e fosse”!

    Comment by 'svardo — 13 aprile 2018 @ 16:28

Lascia un commento

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>