Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani

9 luglio 2018

Un sentore maledetto

Un sentore maledetto

***

Scarzeggio co le idee da mette in rima,

è un po’ che m’accompagna ‘sto penziero,

che manco tanto è griggio, è propio nero,

e si nun fusse più com’era prima?

***

La voja de trovà, a dì er vero,

la rima giusta che conzervi stima

in chi la legge, e che arimani in clima

co Roma, quella c’è e ne so’ fiero.

***

Ma indovinà lo spunto e l’argomento

de cui trattà se fa sempre più stretto,

ch’ho già rimato er tema co un commento.

***

Inzomma ciò un sentore maledetto

che so’ arivato in faccia a quer momento,

che a rime e verzi mette un ber lucchetto.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 luglio 2018

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

***

Gesù, tornato a Nazaret, parlava

der Regno e de Divini inzegnamenti,

tutta la gente a dì: “Ma senti, senti …

nun è quer fìo ch’è nato qui e qui stava?”

***

Da ‘ndó je vengheno ‘sti intennimenti

e ‘sta sapienza? Prima lavorava

cor padre suo Giuseppe eppoi contava

Maria pe madre e tanti pe parenti?”

***

Gesù vedenno quela poca Fede,

disse: “Nessun profeta in casa sua,

viè rispettato e qua nun Me se crede!”

***

Così che disse co malinconia:

“Che triste l’èsse estraneo in patria tua”,

e detto fatto se n’è ito via.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani

7 luglio 2018

Trilussa: L’onestà de mi’ nonna

trilussa - l'onestà de mi nonna

L’onestà de mi’ nonna

***

Quanno che nonna mia pijò marito,

nun fece mica come tante e tante,

che doppo un po’ se troveno l’amante …

Lei in cinquant’anni nun l’ha mai tradito.

****

Dice che un giorno un vecchio impreciuttito,

che je voleva fà lo spasimante,

je disse: “Ve arigalo sto brillante

se venite a pijavvelo in un sito”.

***

Un artra, ar posto suo, come succede,

j’avrebbe detto subbito: “Sò pronta”.

Mi’ nonna, ch’era onesta, nun ciagnede.

***

Anzi je disse: “Stattene lontano”.

Tanto che adesso, quanno l’aricconta,

ancora ce se mozzica le mano.

***

Trilussa

_______________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 luglio 2018

Er sapientone

Er sapientone

***

Nun c’è argomento, manco er più impenzato,

in cui nun sei un esperto luminare,

dar più arcano, astruso e impopolare,

a quello più battuto e più affrontato.

***

Conosci tera, cèlo, aria e mare,

nun ce sta un posto che nun hai toccato,

sai tutto de qualunque ritrovato,

dar ciuccio der poppante a fà le bare.

***

De storia, scènza, arte e geografia,

filosofia, politica e penziero,

tu pòi fà scòla a un’enciclopedia.

***

Ma quer che dici, nun è più un mistero,

pò fà er record mondiale de bucìa,

mai che ‘na vorta corisponna ar vero.

***

 Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani

5 luglio 2018

Nun risparmià un soriso

Nun risparmià un soriso

***

Nun lesinallo mai, dico, er soriso,

anche quanno te costa ‘na fatica,

perché lo devi fà a chi, poi, mica

se lo merita tanto quer tuo viso.

***

Ascorta questa mia parola amica,

nun trattenello mai pe te, quer riso

ch’hai da improntà pe sempre a l’improviso,

de còre e pieno e Dio te benedica.

***

Perché quela perzona a cui è rivorto,

che tu magara penzi nun lo vale,

si sta così è propio pe un risvorto …

***

… de chi ha vissuto sempre a inzeguì un sogno,

d’avé quarcuno che, de naturale,

je soridesse … e più ce n’ha bisogno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 luglio 2018

Caronte ar fronte

Caronte ar fronte

***

Ce se prospetta ‘st’artro anticiclone,

che poi è un ritorno a riguardà la fonte,

sta pronto a traghettacce er sor “Caronte”,

indentr’ar forno cotti sur carbone.

***

E già ar sentore solo a l’orizzonte,

de l’AFA da boccheggio ciò er magone,

vabbè, lo so, se sa, … dice è staggione,

ma a l’idea me ‘nfracico la fronte.

***

Manco je posso dì: “Non ti crucciare,

vuolsì così colà dove si puote,

ciò che si vuole e più non dimandare” …

***

… Ché qui nun c’è un Virgilio a fà da perno,

ce sò in compenzo le “dolenti note”,

che sta a arivà un anticipo de Inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 luglio 2018

Quanti de noi sò come San Tommaso

Quanti de noi sò come San Tommaso

***

Quanti de noi sò come San Tommaso,

ner senzo che pe crede veramente,

lo hanno da vedé, sinnò pe gnente,

nun s’accontenteno d’annacce a naso.

***

Sò tanti quelli che, solo de mente,

raggioneno, ma senza facce caso,

ar fatto che si è un omo e no un travaso

un omo cià quarcosa trascennente.

***

Cià sentimenti e prova senzazzioni,

cià spiritualità, còre e coscènza,

cià turbamenti, sogni e cià passioni.

***

Negà la fede, pe un fatto de scènza,

vòr dì negà nun solo l’emozzioni,

ma de l’umanità stuprà l’essenza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***