Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

La Roma in rima

14 settembre 2017

Ritorna “Il Romanista”

Ritorna “Il Romanista”

***

Dopo tre anni torna: “Il Romanista”,

er quotidiano, l’unico ner monno,

er primo, ma nun ce pò stà un seconno,

ch’ha tatto, udito, orfatto, gusto e vista …

***

… co li colori che nun sò da sfonno,

der giallo e rosso a faje da reggista,

la Roma, ch’è passione che conquista,

e er “romanismo” vero in der profonno.

***

Se schiera co ‘na nova redazzione,

tutta de nota e comprovata fede,

ch’è pronta a riccontacce ‘gni emozzione …

***

… e quant’è bello aritornaje a chiede

ar mio edicolante d’eccezzione:

“Il Romanista”, fiero in chi me vede.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

12 settembre 2017

Roma – Atletico Madrid C.L.

Roma – Atletico Madrid: 0-0

***

E s’arisente quela musichetta

lo stacco Champions che te gonfia er petto,

già questo basta prima der verdetto,

a vive ‘st’emozzione benedetta.

***

Comincia la partita che fa effetto,

de prolungà la senzazzione detta,

pe tutto er tempo, che nun va de fretta,

fin’a ‘sto zero a zero de rispetto.

***

S’è visto veramente un gran portiere,

Alisson Becker che nummero uno,

tre paratone armeno co mestiere.

***

Un risurtato che ce tiè qui ‘gnuno

a valutà si er mezzo der bicchiere,

è vòto o pieno, …  come vò ciascuno.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Romanamente

Er solito TRAM-BUS-to

Er solito TRAM-BUS-to

***

S’aricomincia er solito TRAM-BUS-to,

lo sciopero de autobus e metro,

sinnò che gusto c’è a nun annà addietro

a ‘na colonna e er traffico da imbusto.

***

Così che da Sant’Angelo a San Pietro

ce metti un’ora e mezza, giusto giusto

er tempo necessario pe dà gusto

ar benzinaro e a chi te lava er vetro.

***

Ché a quer punto arivi prima a piedi

o co qualunque mezzo arternativo,

a meno che rinunci o soprassiedi.

***

Solo che si nun ciài beni a l’attivo,

campi de rendita … che me lo chiedi?

Hai da passà TRAM-BUS-to e uscinne vivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 settembre 2017

Tutta corpa tua

Tutta corpa tua

***

‘Sta storia der peccato origginale

de un frutto, Adamo e Eva e de un serpente…

Virginia tu, nun ne sapevi gnente?

E de Caino e Abele … gnente uguale?

***

E de quanno che fu … la pora gente

ch’è morta ner diluvio univerzale?

La stragge a l’innocenti … tal’e quale,

che ciài da dì? … Quer giorno tu eri assente?

***

La storia poi de Giuda e er tradimento,

la scerta de Barabba e Cristo in croce

c’entravi sempre te, io me lo sento.

***

Chi cià er cervello granne come noce

e dentro fuffa in sconvorgimento,

già je dà retta a chi gira ‘sta voce.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 settembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

***

Gesù je disse: “Si quarche fratello,

ce l’ha co te, e sta in corpa, va’ da lui,

vacce a parlà, e li penzieracci bui,

prova a limalli, senza fà un bordello.

***

Sippoi continua a avé l’idee pe cui

t’ha già stranito, nun lo fà un macello,

co artri due o in assemblea un cervello

pò raggionà, sinnò sò affari sui.

***

E quer che legherete su la Tera,

o sciojerete, pari pari in Cèlo,

sarà legato o sciorto Lì com’era.

***

Già che ce sto, ve levo un artro velo:

si due riuniti, in Nome Mio in preghiera,

chiedeno ar Padre, ottengheno e co zelo”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

La Roma in rima

9 settembre 2017

Rinvio de Samp-Roma

Rinvio de Samp-Roma

***

Questa sì ch’è curiosa pe davero,

rinvio pe allerta meteo arancione,

ce lo sta a dì così la previsione

cor rischio de sbajà più o meno zero.

***

Samp-Roma, a rispettà la tradizzione,

s’ha da giocà sott’a un diluvio vero,

ma oggi nun de certo … cèlo nero

che già promette furmini e alluvione.

***

Ma ‘st’attenzione ar tempo che pò piove,

ce sta, tu guarda er caso, lì in Liguria,

a Genova, ar Marassi e nun artrove.

***

Viè da penzà che d’acqua c’è penuria

abbasta organizzà o fà le prove

de un Roma-Samp, che l’acqua viè giù a furia.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

8 settembre 2017

L’uragano Irma

L’uragano Irma

***

Quanno che s’è parlato tutti assieme

de clima arovinato pe l’incuria

de l’omo, er genio Trump, co gran goduria,

conziderava ‘ste parole sceme.

***

Mó guardacaso Irma, co ‘na furia

mai vista prima e che già nulla teme,

se abbatte su ‘gni cosa fin’a spreme

la tera, da trattalla ch’è un’ingiuria.

***

Guasi pe dije a quer parucchino

che c’è davero da giocacce poco

cor monno, come fusse un palloncino.

***

Pe cui ce pòi già mette tu ‘na firma

ch’è grazzie a Trump e chi gioca cor foco,

che troppi ne vedremo de artri Irma.

***

Stefano Agostino

________________________

***