Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Romanamente

22 giugno 2017

ZZZ … fisso

ZZZ … fisso

***

Combatte co quer “ZZZ” tutta la notte

je spareresti pure cor fucile,

‘na botta, co rincorza, de badile,

pe ‘sta bastarda che intanto te fotte.

***

Chissà ‘nd’è entrata ‘sta codarda e vile

che viè pe fà le bolle e pure in flotte

‘cciloro e de ‘ste fìe de gran mignotte,

che se prepareno da fine aprile.

***

Così ch’è quann’è giugno e la calura

le porta qua pe fà rifornimento,

sò tutte pronte pe loro natura …

***

… a fà un prelievo, quann’è tutto spento,

a succhià er sangue dopo la puntura,

che manco li magnaccia in Parlamento.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 giugno 2017

Ministero de la Distruzzione

Ministero de la Distruzzione

***

Governo che fa solo “figuraccIe”,

a tutto spiano e senza ‘na raggione

dar “Ministero de la Distruzzione”

de l’italiano, scriveno le “traccIe”.

***

L’alunni a fà l’esami cor magone,

potranno già aspirà a evità “finaccIe”,

si questa è la cultura de ‘ste “faccIe”,

‘gnuno pò ben sperà a la promozzione.

***

Ma d’artra parte a scòla c’è er bidello

ch’ha da conosce senza un imbarazzo

 tre lingue co du’ master a l’interpello.

***

Mentre er ministro, membro der Palazzo,

che a scòla s’è fermata già a l’appello,

pe titolo de studio cià “stocazzo”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 giugno 2017

Ius … sòle

Ius … sòle!

***

Un Parlamento che sta ancora in piedi

eletto sì, ma incostituzzionale,

dovrebbe da gestì l’oggi normale,

e nun incide mó, né pe l’eredi.

***

Doveva fà la legge elettorale

gnente de più … nun certo ‘sto stravedi,

poi annà a casa e invece qui te chiedi

com’è che se decide l’essenziale?

***

Come pòi da penzà a lo “ius soli”,

che assai coinvorge fatti e no oppignoni,

si ciài ‘na maggioranza che fa voli …

***

… tra inquisiti, ladri e parucconi,

sarebbe da arestà ‘sti truffaroli

si nun leveno da li cojoni.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 giugno 2017

Er lunedì

Er lunedì

***

Si un giorno me faranno imperatore,

comannerò cercanno d’èsse bono,

ma prima ancora de sedemme ar trono,

der lunedì sarò er perzecutore.

 ***

Nun je darò la grazzia, né er perdono,

je tojerò perzino er difenzore,

si becco mai chi è stato l’inventore,

dovrà contà le sberle che je sòno.

 ***

Se stava tanto bene fino a ieri,

senza la sveja e senza l’orologgio,

senza dolori, guai, noie e penzieri.

 ***

Ma mó che, tutt’a un tratto, ha preso alloggio,

voressimo da èsse parucchieri

o fallo martedì pe daje sloggio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 giugno 2017

La Santa Messa

La Santa Messa

***

Er segno de la Croce, er pentimento

er Miserere, er Gloria e la Colletta,

Prima Lettura, er Sarmo, eppoi viè letta

la Seconna Lettura der momento.

***

Viè l’Alleluja, poi, cantata o detta,

Vangelo e Omelia a dà l’accento

sur tema letto, cor raccojimento,

er Credo e le preghiere a annà in scaletta.

***

Poi l’Offertorio pe l’Eucaristia,

Prefazzio, Memoriale, Intercessione,

pe seguità ne la Dossologgia.

***

Er Padre Nostro, Pace e Comunione,

l’Antifona finale, er Così sia,

a chiude “Amèn” a la Benedizzione.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Clip art

17 giugno 2017

Il videosonetto del sabato – La Luna

***

***

I sonetti romani,Romanamente

16 giugno 2017

L’erba der vicino

L’erba der vicino

***

L’invidia brutta bestia, dice er detto,

nun c’è bisogno de spiegallo, è chiaro,

è un sentimento che lassa l’amaro

in chi lo prova e in chi viè lì a soggetto.

***

Chi invidia ce lo sa che paga caro

quer suo rismucinasse indetr’ar petto,

che vede in ‘gni artro er navigà perfetto

e in lui ‘na nave che nun fa mai er varo.

***

E spesso nun se chiede e nun s’accorge

che l’erba der vicino ch’è più verde,

come la vede lui, come la scorge …

***

… ner vero esce fòri ch’è mimetica,

che annisconne l’acciaccà le merde,

ch’è verde sì, ma ch’è d’erba sintetica.

***

Stefano Agostino

____________________________

***