Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

I sonetti romani,Schegge di vita

14 gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “li primi discepoli”

Dar Vangelo der giorno: “li primi discepoli”

***

E lì er Battista disse: “Ecco l’Agnello,

de Dio che toje li peccati ar monno,

più nun seguite me, ma fino in fonno

annate appresso a Lui, còre e cervello”.

***

Così che li discepoli, co sfronno,

seguirono Gesù, grazzie a ‘st’appello,

circa a le quattro, un pomeriggio bello,

che je cambiò la vita in der profonno.

***

Gesù li vide e disse: “Che cercate?”

Risposero, ner fasse avanti un metro,

-” ‘ndó abbiti, Rabbì?” – “Voi lo guardate, …

***

… si seguitate qua a venimme addietro” - 

Andrea e Simone, primi e l’artri a rate,

Simone, che Gesù poi chiamò Pietro. 

 ***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani

13 gennaio 2018

Trilussa – La partita

La partita

***

Te ricordi, Marietta, quela sera

che se faceva a scopa unicamente

pe potesse bacià libberamente,

senza fà inzospettì la cammeriera?

***

E tu, ch’eri più furba e più prudente,

pe fà la parte come fosse vera,

spesso dicevi: “Faccio la primiera,

l’ori, le carte e tutto er rimanente”.

***

Ma appena scappò fòra er sette bello

la cammeriera, mezza inzonnolita,

se squajò co la scusa der fornello.

***

Fu allora che te presi pe la vita

e, doppo un certo bacio scrocchiarello,

te dissi piano: “Ho vinto la partita”.

***

Trilussa

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

12 gennaio 2018

Er mejo venerdì de l’anno

Er mejo venerdì de l’anno

***

La prima settimana de lavoro

der novo anno è la più impegnativa,

che se immoviola quanno ha inizziativa,

ma chiude li battenti … bontà loro.

***

È peggio de la post-pausa estiva,

perché viè de gennaio che, a decoro,

è er mese freddo, buio e senza un oro

che sia da festeggià in comitiva.

***

Perciò ‘sto venerdì, tra li fratelli,

l’artri cinquantadue in tutto l’anno,

è quello co più applausi e scampanelli.

***

Ché più de tutti l’artri che ce stanno

fa già apprezzà quanto sò granni e belli,

li giorni der week-end che mó veranno.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 gennaio 2018

Accenni la TV e …

Accenni la TV e …

***

Accenni la TV, solite facce,

stesse battute, soliti programmi,

risate senza un senzo oppure drammi,

de quelli fatti a arte e co le tracce.

***

Me basteno già un par de fotogrammi,

pe intuì discorzi de fregnacce

e cambio o smorzo mejo e, tocca stacce,

pe stà a sentì l’inzurti in ideogrammi.

***

Ché nun le reggo più ‘ste trasmissioni,

in cui già è tutto noto, è tutto visto,

ner carderone de televisioni …

***

… de chiacchiere che se le porta er vento,

accenno ma de certo nun resisto

e schiaccio er tasto giusto, l’off de spento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 gennaio 2018

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

***

Tassa de du’ centesimi a sacchetto,

quelle pe ‘gni verdura e pe ‘gni frutto,

quanno che intanto poi aumenta tutto,

più che un probbrema, me pare un giochetto.

***

Ché protestà ce sta, ma a che costrutto^

come pe fà cadé ner trabbocchetto,

d’annà a vedé quer gnente qui rispetto

a ‘gni artro aumento ben assai più brutto.

 ***

Sò aumentate luce, gas e benza,

co l’autostrade e l’assicurazzioni,

ma qui solo ar sacchetto ormai se penza.

***

Come quer tizzio che chissà ‘nd’è ito,

a cui indicà la Luna e se cojoni 

a contemplacce  affisso solo er dito.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 gennaio 2018

Tempo de promesse elettorali

Tempo de promesse elettorali

***

Er tempo de promesse elettorali,

che nun s’ariva a dì pe prenne un voto,

‘gni tassa va abbolita, è già arcinoto,

che le pagamo a fà? Dubbi normali …

***

Er viso a ride a “serfie” ne le foto

co quele facce là … da genitali,

che fanno a gara a chi fa più regali,

o chi fa più er cojone o, mejo, scroto.

***

E già perché de qua c’è er cittadino,

che ancora stanno a crede de fà fesso

co chiacchiere che sa pure un bambino …

***

… ch’è solo fuffa o aria, er che è lo stesso,

er voto te lo do io ‘gni matino,

quanno te vòto giusto indentr’ar cesso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 gennaio 2018

Prima de ripartì

Prima de ripartì

***

Tocca aricomincià, tiranno dritto,

portà in avanti ancora la caretta,

si posso conzijà, nun mai de fretta,

e lentamente sia, nun fitto fitto.

***

Pe dije a l’anzia che ce pìa: “aspetta”,

nun ciò intenzione de soffrigge fritto,

ché ciò un bioritmo a tera e a annà ar soffitto

nun basta qua ‘no squillo de trombetta.

***

Se ariparte tra scòla e lavoro,

che già de suo comunque è cosa dura,

già dar lassà ‘gni letto a peso d’oro.

***

Er tempo de ingranà e tornà ar livello,

der solito tran-tran che ce cattura,

e giorni tutti uguali a fà l’appello.

***

Stefano Agostino

____________________________

***