Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

La Roma in rima

13 novembre 2017

Spareggio o sparisci

Spareggio o sparisci

***

Si pe … Ventura casomai stasera

l’Italia co la Svezia casca male

ar punto che nun entra ner mondiale,

la FIGC, e tutta quanta intera …

***

… dar sor Tavecchio a quer C.T. locale,

ha da èsse cacciata in maniera

che s’aricordi poi in tutta la Tera,

pe avé fatto ‘sto scempio nazzionale.

***

Ché pure che va bene ‘sto spareggio

dovrebbe rassegnà le dimissioni,

chi ce l’ha fatto fà, ch’è già ‘no sfreggio.

***

Davero pochi co li piedi boni,

sfruttati male e messi in campo peggio,

tirassero de fòrì li cojoni!

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 novembre 2017

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

***

C’ereno dieci vergini lì pronte

pe annà de fretta incontro ar loro sposo,

ch’era in ritardo e in modo sospettoso

nun se vedeva manco a l’orizzonte.

***

Le dieci s’addormirono e er riposo

durò fin quanno un grido come ar fronte,

a mezzanotte le svejò e la fonte

era lo sposo a arivà festoso.

***

Sortanto cinque vergini a quer punto,

co l’olio ne le lampade, da sagge,

poterono incontrallo sopraggiunto.

***

Le artre cinque, ar buio pesto e losco,

tardarono pe l’olio e come gagge,

lo sposo le gelò: “Nun ve conosco”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 novembre 2017

L’11 de novembre: San Martino

L’11 de novembre: San Martino

***

L’unnici de novembre è San Martino,

quello famoso che tajò er mantello,

pe danne ‘na metà a scallà un porello,

ch’ebbe incontrato ignudo p’er cammino.

***

Da ch’era brutto, pioggia e venticello,

er Sole se stanò dar nasconnino

sortì de fòra e ariscallò er matino,

ché nun occorze più lana, né ombrello.

***

E quanno che fu notte e bujo pesto

a San Martino, poi, j’apparve in sogno

Cristo pe ringrazziallo de quer gesto …

***

… E je promise che in quele giornate

da lì e pe sempre a chi ce n’ha bisogno,

j’avrebbe arigalato un po’ d’estate.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 novembre 2017

Sciopero de tutto

Sciopero de tutto

***

Er giorno in cui sai solo de preciso

l’attimo esatto in cui esci de casa,

p’er resto è come dì “tabula rasa“,

quer che t’aspetta fòri è tutto intriso …

***

… de scioperi, de pioggia, e de chi intasa,

ner traffico, cercanno er paradiso

de un posto eppoi te guarda com’er Griso

che inzieme a l’artri “bravi” lui se gasa. 

***

Sortì de casa è l’unica certezza,

er tempo der rientro è ‘na domanna

che nun cià ‘na risposta ch’è a l’artezza.

***

E te la prenni poi co chi commanna,

ner tempo che stai a perde e l’amarezza

è che mai cià ‘na fine ‘sta condanna.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 novembre 2017

Amicizzia “a cerino”

Amicizzia “a cerino”

***

Nun ce sta ar monno gnente de più finto,

de un’amicizzia da chiamà “a cerino”,

quanno s’accenne pare fà un casino,

ma poi se smorza ar soffio de un istinto.

***

Sto a dì de chi te ‘ncontra ner destino

e de seconno ce ne impiega un quinto,

pe diventà tuo amico e t’ha convinto,

co quarche bella frase da lecchino.

***

Ma appena ch’ha raggiunto l’obbiettivo,

e t’ha sfruttato come j’è piaciuto,

s’è già scordato che si ancora è vivo …

***

… lo deve a te, ma quer cerino muto

s’è spento già, lassannote a l’attivo

un senzo amaro in bocca ch’è da sputo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 novembre 2017

Le elezzioni in Sicilia

Le elezzioni in Sicilia

***

Er brutto de ‘ste urtime elezzioni,

è arivedé facce da preistoria,

risuscitate in cerca un po’ de gloria,

come a li vecchi tempi magnaccioni.

***

Un popolo che nun cià più memoria,

che manna a governà li parucconi,

presente ce n’ha poco a èsse boni,

ma p’er futuro vò magnà cicoria.

***

Ne l’arternanza de facce da bronzo

ner pennolo che va a sinistra e destra,

me sento un po’ un asceta, come un bonzo.

***

Me metto a guardà qui da la finestra,

in cerca de scrutà er novo stronzo,

venuto pe ‘mpiattasse la minestra.

 ***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 novembre 2017

10 anni fa

10 anni fa

***

Sette novembre der dumilasette,

dieci anni oggi dar primo sonetto,

‘na dedica ar “Nasone” cosiddetto,

la fontanella a Roma, eppoi nun smette.

***

Da quer primo sonetto, un po’ de getto,

ne sò sortiti fòra a braccia strette

ben 1.500 de operette

che nun credevo certo d’avé in petto.

***

10 anni sò passati da quer giorno,

a rimà Roma, sempre e più de prima,

pe un amore che nun cià contorno.

***

Senza pretese d’èsse ito in cima,

ma d’avé fatto breccia co ritorno

in te lettore qui su Roma in rima.

***

Stefano Agostino

______________________________

***