Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Blog Archives

Frammenti di Roma,I sonetti romani

21 aprile 2018

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

 ***

Fu Romolo, se sa, ormai è un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

 ***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo j’entrò co un sàrto in quer tracciato.

 ***

Romolo, fino a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

qui a Roma nun se pò comannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 21 aprile 753 a.C.

***

******

I sonetti romani,Romanamente

20 aprile 2018

Er lisciabbusso

Er lisciabbusso

***

Ma a che te serve statte a piagne addosso

e lamentatte de continuo, fisso,

a véde lo sprofonno de l’abbisso,

dar punto esatto ar limite der fosso.

***

Ciài più dolori te der Crocifisso,

sei aggitato come un mare mosso

e nun t’accorgi che sbaji de grosso

a stà così, perennemente affisso.

***

Ché invece de penzà solo a te stesso,

si te guardassi intorno, giusto a un passo,

vedresti quanti guai ce stanno appresso.

***

E invece de lagnatte qui, indiscusso,

nun t’arivava ‘sto sonetto a scasso,

a fatte un artro vano lisciabbusso.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

18 aprile 2018

Roma – Genoa

Roma – Genoa: 2-1

***

Co tanta sofferenza e cor fiatone,

la Roma vince e intasca ‘sti tre punti,

nun ce stanno da fà grossi riassunti,

va bene er risurtato, eppoi “ciaone”.

***

Però sò gare da cui prenne spunti,

pe benedì er bottino e la raggione,

ma nun se pò concede l’occasione

a l’avverzari de segnà, qui giunti.

***

Du’ go’ uno de Under l’artra autorete,

poi er due a uno loro e la paura

de fasse arimontà pe l’artrui mete.

***

Ma se sapeva qual è la misura

pe arivà nun sò cose segrete,

c’è da lottà e ‘gni gara è la più dura. 

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Perfetto ner difetto

Perfetto ner difetto

***

Io nun ce tengo no a èsse perfetto,

eppoi ma che vor dì la perfezzione?

Co quale metro? Quale paragone,

se giudica si un omo è storto o retto?

***

A parte che sa già de presunzione

aritenesse senza un neo, coretto,

ma a vorte è propio giusto in quer difetto

che un omo lo s’apprezza e co raggione.

***

La perfezzione mica è de ‘sto monno,

s’ha da cercà, d’accordo, ma è un traguardo

che t’avvicini e lui se sposta in fonno.

***

Eppoi si so’ imperfetto e m’ariguardo

ner dentro der me stesso più profonno,

a mijorà, posso provà un azzardo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 aprile 2018

Concetto de felicità

 Concetto de felicità

***

Felicità, che strana senzazzione,

nun è pe tutti, ma n’è detentrice

quela perzona che, manco lo dice,

ma je se legge in faccia la raggione.

***

Felicità nun è mica oppignone,

ma è ‘no stato de chi benedice

quer che possiede e che lo fa felice,

senza mai usà metro de paragone.

***

C’è chi è felice e se ne rènne conto,

ma solo quanno er tempo j’è passato

perdennose er mejo der racconto.

***

Er più felice è chi l’è sempre stato,

no pe fortuna, ma perché sta pronto

a dì che quer che cià è tutto incantato.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

15 aprile 2018

Lazio – Roma

Lazio – Roma: 0-0

***

Nun c’è tanto da dì su ‘sta partita,

finita zero a zero e co du’ legni,

un palo e ‘na traverza, ma me ‘nzegni

che tocca guardà poi come ch’è ita.

***

‘Na gara in cui pure che te ce ‘ngegni,

nun trovi spunti più co artre dita,

che la traverza e er palo, poi è finita

senza che l’uno a l’artro tiri e segni.

***

Ma era importante mantené er distacco,

co chi ce segue e lo scontro diretto

co chi sta pari ch’è già un mezzo stacco.

***

Quinni va bene er pari (anche un po’ stretto),

ma è ancora tutto in gioco e ce sta un pacco,

ch’è tutto infiocchettato … e qui la smetto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

***

Così Gesù je disse: “Pace a voi”,

ma vide li discepoli turbati,

“Nun so’ un fantasma, ciò li connotati

de chi era morto e è risorto poi.

***

Toccate, mano e piedi traforati,

so’ carne e ossa vive e no d’eroi,

ciavete da magnà?” – “Der pesce, vòi?”

E lo magnò tra sguardi estasiati.

***

“Come sta scritto”, allora poi riprese,

“er Cristo aveva da soffrì er supplizzio

de quela Croce pe lavà l’offese …

***

… antiche e li peccati da l’inizzio,

pe poi arisorge e accoje a braccia tese

 chi se converte e nun pe fà er Giudizzio”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***