Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2020/21

6 Maggio 2021

Roma – Manchester U. E.L.

Roma – Manchester U: 3-2

***

Armeno si nun artro ‘na vittoria,

pe tirà su er punteggio complessivo,

pe dimostrà che eri ancora vivo,

e che poteva annà co artra storia …

***

… si nun prennevi d’autodistruttivo,

quer carico da 6 senza gloria,

co ‘sta partita già te va a memoria,

che ‘sto totale pare assai cattivo.

***

E mettece la dose sempre certa,

de infortuni e de ‘na granne jella,

sinnò la gara era ben più aperta.

***

Ma si nun artro questo nun cancella,

la bella prova ch’hai oggi offerta,

ch’è come avé rivisto quarche stella.

***

Stefano Agostino

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

La Panzanella

La Panzanella

***

’Na fetta de ber pane de Lariano,

un sorzo d’ojo, un pizzico de sale,

’na foja de basilico reale,

un pommidoro fresco sammarzano …

***

… da sfragne, strofinato pure male,

sur pane unto e er resto co le mano,

’no spicchio d’ajo piccolo nostrano,

er piatto è pronto, fresco e naturale.

***

E te la pòi gustà pur’a merenda,

ar secolo se chiama “Panzanella”,

tarmente bona che sa de leggenda.

***

Nun se ’nforchetta mai, né s’accortella,

m’ariccomanno: segnelo in aggenda,

se magna co le mano, sbrodorella.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

5 Maggio 2021

Er “Cinque Maggio”

Er “Cinque Maggio”

***

“Ei fu. Siccome immobile” l’inizzio

de l’ode “Cinque Maggio” de Manzoni

e nun c’è 5 maggio che nun sòni,

de l’immortalità er suo indizzio.

***

La musicalità tra l’emozzioni,

de frasi celebberrime da sfizzio,

a perpetrà ben ortre er vitalizzio,

le gesta de quer capo de nazzioni …

***

… che ancora je tramandeno la storia

e in tutta l’ode tutt’è pennellato,

pe regalaje eterna la memoria.

***

E tant’è ardua ar punto la sentenza,

che la domanna si fu vera gloria,

da posteri a risposte se sta senza.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima

4 Maggio 2021

Dimmi cos’è … Mourinho

Dimmi cos’è … Mourinho

***

Ancora nun ce credo … ma davero

José Mourinho è er novo allenatore?

Sarà successo … manco da un par d’ore

e nun so ancora si è tutto vero…

***

… o tutto un sogno che co ‘sto fervore,

me svejo … eppoi l’umore ariva a zero,

perciò nun me svejate … che intero,

‘sto sogno me lo faccio da signore.

**

E sogno già da adesso granni acquisti,

ringrazzio Friedkin, vero Presidente,

m’abbraccerebbe co li romanisti.

***

M’abbraccerebbe sì co questa gente,

e lasserebbe a l’artri l’occhi tristi,

a quelli … “tanto nun vincemo gnente”.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Sei solo

Sei solo

***

Sei solo, ché te schifa l’alegria,

o ciài ’na smania d’èsse un eremita,

perché nun s’aricuce la ferita,

o pe ’na quarche strana malatia.

***

Sei solo, ché nun vedi via d’uscita,

co li penzieri a fàtte compagnia,

perché la strada tua, nun è la mia,

o ché t’ha ribbartato in giù ’sta vita.

***

Sei solo, perché t’hanno accannato,

nun eri mimo e manco manichino,

a certi giochi nun te sei prestato.

***

Prego pe te l’azzione der Divino,

ch’arivi prima ch’esci rivortato,

come che s’arivorta un pedalino.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

2 Maggio 2021

Sampdoria – Roma

Sampdoria – Roma: 2-0

***

Stavorta lasso a l’artri ‘gni commento,

perché davero nun c’è più raggione,

de daje ‘na quar giustificazzione,

a chi nun riesce manco a avé l’intento …

***

… de fà un gioco degno de menzione,

sbajanno sempre poi l’atteggiamento,

e prenne go’ appena soffia er vento,

ché regolare toppa posizzione.

***

Nun solo pe Fonseca, è tutto quanto

che gira male, quanno nun a zero,

sò tutti fòri fase e cor rimpianto …

***

… d’avé buttato un anno tutt’intero,

ma anche si è moscio ormai er canto,

nun se pò mai mollà così, davero.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

***

“Io so’ la vite e voi li trarci tesi”,

così a li discepoli je disse,

“stampateve ’ste Mie parole fisse:

dovete da dà frutti e frutti resi.

***

Un trarcio che nun cià rese prefisse,

viè senza tanti giri sottintesi,

tajato via si, passeno li mesi,

e nun produce eppoi, famo a capisse, …

***

… si rimanete in Me portate frutto,

e ve se pota come a ’gni ramo,

perché rènna deppiù e quest’è tutto.

***

Si rimanete in Me, Io che ve amo,

nisuno fra de voi verà distrutto,

chiedete e ciavrete ar Mio richiamo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***