Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

2 Marzo 2021

La Tivvù

La Tivvù

***

Me metto in cerca de quarche canale,

che possa sfizzicamme pe mezz’ora,

nun ce n’è manco uno che me sfiora

e dì che ciò ’na scerta eccezzionale.

***

Me pare com’er vaso de Pandora,

satellite, terestre, diggitale,

nun trovo propio gnente de speciale,

e questo un po’ me puzza e un po’ m’accora.

***

So’ certamente io cacazzibbetto,

sicuramente me sto a fà vecchio,

ma pure ’sta tivvù è un gabbinetto.

***

Così che m’ariguardo ne lo specchio,

smorzo ’sta robba, poi me ’nfilo a letto,

saluto tutti e bonanotte ar secchio.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Marzo 2021

52 anni de matrimonio

52 anni de matrimonio

***

Anni cinquantadue de matrimonio,

a dillo serve guasi er dizzionario,

da quanno voi, GABRIELLA e ILARIO,

avete detto: “SÌ”, fresco de conio.

*** 

’Sto giorno che sta su quer calennario,

de chi è ricco, senza patrimonio,

che pure in mezzo a ‘sto pandemonio,

festeggia pe ’gni giorno der diario.

***

Er calennario ch’è sortanto er vostro,

co date scritte in due, sempre a braccetto,

o anche in quattro, a mettece der nostro.

***

E co VOI genitori ’sto sonetto,

nun pò che ringrazzià er Padrenostro

p’er PRIMO MARZO, giorno benedetto.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

28 Febbraio 2021

Roma – Milan

Roma – Milan: 1-2

***

Continua la condanna de quest’anno:

de perde sempre li scontri diretti,

tre punti se ne vanno … benedetti,

e pe un posto Champions è un ber danno.

***

Nun se ponno più rigalà confetti

a quelle sopra e perde de rimanno,

gnente de compromesso ma se fanno

troppe partite co li stessi effetti.

***

C’è da riprenne subbito vigore,

pe nun fermasse più manco ‘na vorta

da qui a la fine senza più timore.

***

Tempo c’è ancora pe daje ‘na svorta

a ‘sta staggione … ch’è senza colore,

 er quarto posto è lì … quella è la torta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quann’a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese a sprenne co abbiti e panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

Mosè e Elia apparzero sì granni,

pe chiacchierà co Lui, seconni o anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce … era de Dio,

che disse: “In Lui, Me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, in quer minuto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Febbraio 2021

St…addio

St…addio

***

Ce sò riusciti, bravi, comprimenti!

Lo stadio de la Roma e er suo proggetto,

finischeno indentr’ar gabbinetto,

tutti felici mó, tutti contenti.

***

La stessa Roma ieri ce l’ha detto,

proggetto irealizzabbile pe lenti

e nun spiegabbili procedimenti,

pe arivà a quer sogno ner cassetto.

***

Dieci anni de battaje e de promesse,

de chiacchiere e d’autorizzazzioni,

disegni e bozze come si piovesse.

***

Lo stadio nun se fa, ma le raggioni,

sò artre, anzi sò sempre le stesse:

la Roma forte rompe li cojoni !!!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

25 Febbraio 2021

Roma – Braga E.L.

Roma – Braga: 3-1

***

Se vince contr’er Braga anche ar ritorno,

se va quinni a l’ottavi de finale,

tre a uno er risurtato che te vale,

‘st’artra vittoria ner seconno scorno.

***

Er primo go’ de Dzeko, naturale,

poi er tempo de sbajà un rigore attorno,

er due de Carles Perez gran contorno,

er tre de Borja Mayoral che sale.

***

Er rischio era la concentrazzione,

cor risurtato bono de l’annata,

robba de testa, cali de tenzione.

***

La Roma scegne in campo ch’è quadrata,

cosa ch’è da ripete a ‘gni occasione,

se guarda avanti … prossima puntata.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

La fine der mese

La fine der mese

***

Er cruccio un po’ de tutti sò li sòrdi:

nun sò mai giusti pe quanti ne scuci,

dipenne da la grana che te bruci,

si campi de sospiri o de ricordi.

***

In busta-paga nun ce sò mai luci,

e de l’aumenti è mejo che te scordi,

a quann’a grilli, sia, a quann’a tordi,

’gni giorno vivi sott’a cento duci.

***

Mi’ nonno, m’aricordo, nun capiva,

chi era in bolletta a la fine der mese,

dato ch’er 27 percepiva.

***

Fin’ar 31 lui era un marchese,

pe l’artri 26 nun ce dormiva,

tra buffi, buci, pegni, fidi e spese.

***

Stefano Agostino

_______________________

***