Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Poesie romanesche

5 Dicembre 2020

Trilussa – Natale 1915

Natale 1915

***

Bentornato, Gesù Cristo.

Puro ‘st’anno hai ritrovati,

tutti l’ommini impegnati,

ne lo stesso acciaccapisto.

Se sbranamo come cani,

se scannamo tutti quanti,

pe tre grinte de briganti,

mascherati da sovrani.

Mentre er Turco fa da palo

uno rubba, l’antro impicca.

Maledetta sia la cricca,

che cià fatto ‘sto regalo.

***

Tu, ch’hai sempre messo in pratica

la dottrina de l’amore

e nun mascheri er dolore

pe raggione dipromatica,

che ne penzi de ‘sti ladri

che ficcarono l’artiji

ne l’onore de le madri,

ne la carne de li fiji?

Che ne penzi, Gesù mio,

de chi appoggia sottomano

la ferocia d’un sovrano

che bombarda puro Iddio?

***

Fa’ in magnera, Gesù bello,

che ‘na scheggia de mitraja,

spacchi er còre a la canaja

ch’ha voluto ‘sto macello.

Fa’ ch’armeno l’impresario

der teatro de la guera

possa vede sottotera,

la calata der sipario.

Fa’ ch’appena libberato,

da li barbari tiranni,

ogni popolo commanni,

ne la patria ‘ndov’è nato.

***

Quanno un giorno azzitteremo

sin a l’urtimo cannone,

ch’imponeva la raggione

d’un re matto e un re scemo,

solo allora avranno fine

tante infamie e tante pene,

fischieranno le sirene

fumeranno l’officine.

E, tornata l’armonia,

su ‘na base più sicura,

resteremo (finché dura)

tutti in pace … E così sia.

***

Trilussa

I sonetti romani,Schegge di vita

4 Dicembre 2020

Santa Barbara e santabarbara

Santa Barbara e santabarbara

***

Se dice “santabarbara” parlanno

co termine traslato de arzenale,

deposito de armi, tal’e quale,

che c’entra Santa Barbara? M’addanno.

***

Poi vado a legge propio sur giornale

e trovo la risposta che domanno,

tutto cià un senzo e ‘sta giornata a l’anno,

 4 dicembre, a ariccontallo vale.

***

La Santa che fu poi decapitata

p’èsse cristiana, pe mano der padre,

dopo che sempre lui l’ha torturata …

***

… è protettrice a minatori in squadre

che tra esplosivi ciàn vita affidata

a Lei pe rincuorà ‘gni moje o madre.  

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

Roma – Young Boys E.L.

Roma – Young Boys: 3-1

***

Serviva un punto pe restà in testa,

ma tre pe ridà forza a quer morale,

dopo quela sconfitta che fa male,

e è arivata ‘sta vittoria lesta.

***

La Roma vince in modo plateale,

è prima ner girone e già è ‘na festa,

l’urtima gara infatti … ossia la sesta,

è ‘na formalità che poco vale.

***

C’è Borja Mayoral … che dà er pareggio,

poi un supergo’ der baby Calafiori

er tre de Dzeko ch’è tornato egreggio.

***

Ma nun c’è da sedesse su l’allori,

semmai da proseguì senz’artro sfreggio,

su ‘sto cammino e pe ‘sti du’ colori.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

3 Dicembre 2020

Er D.P.C.M. de Natale

Er D.P.C.M. de Natale

***

Ce semo ormai … se sente già er Natale,

ma nun pe stà co amichi e co parenti,

quest’è er Natale der dumilaevventi,

ché lo sai già ‘ndó pòi infilà er puntale.

***

Pe li contaggi, gnente assembramenti,

gnente cenoni … quarche commenzale,

sortanto quelli stretti e tal’e quale

a Capodanno famo parimenti.

***

De ‘st’argomenti s’occupa er Governo,

de Messa, co maiuscola la “emme”,

che spetterebbe più ar Padreterno.

***

Invece ne la Grotta de Betlemme,

er Fìo pò nasce ‘st’anno e pe ‘st’inverno,

si lo prevederà er D.P.C.M.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

2 Dicembre 2020

A Santa Bibbiana

A Santa Bibbiana

***

Er due dicembre è già Santa Bibbiana,

ner gergo popolare ce sta er detto:

“si piove oggi, piove” – strano effetto –

“40 giorni e un’artra settimana”.

***

Così si er due dicembre cià l’aspetto

de celo nero e tira la buriana,

ciài da portà l’ombrello e stà in campana,

fin’ar 10 gennaio benedetto.

***

E la saggezza tutta popolare,

cià pure ‘na postilla d’accidenti,

poche parole, criptiche e amare.

***

Ché si lo sanno pure li parenti,

intenno de la pioggia, così pare,

de giorni piove poi pe artri venti.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Dicembre 2020

Primo dicembre

Primo dicembre

***

Nanetto de dicembre ar calennario,

che ner frattempo s’è aridotto a un fojo,

comincia er mese che, si nun me imbrojo,

è l’urtimo de tutto er campionario.

***

Er primo de dicembre è quelo scojo

ch’è in fonno a tutto p’abbassà er sipario,

pe chiude un anno e arisvortà er diario,

speranno in quello dopo da erba vojo.

***

Profuma già de festa natalizzia,

de atmosfera ormai tradizzionale,

appena che dicembre, er primo, inizzia.

***

Cor tempo che se veste de glaciale,

sa già de ‘nverno prima che sorstizzia

e manna in giro l’aria de Natale.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

30 Novembre 2020

Napoli – Roma

Napoli – Roma: 4-0

***

Partita che nun cià avuto storia,

la Roma in campo nun è propio scesa,

er risurtato infatti sa de resa,

e dice tutto … da mannà in memoria.

***

Ché nun pò èsse nun ce sia contesa,

come dimostra invece la bardoria

der Napoli che vince e che se gloria

de Maradona che tanto qui pesa.

***

Ma nun esiste che mai se combatte,

che nun se prova mai a fà er pareggio,

e anzi poi se molla e ce se sbatte.

***

‘Na brutta prova, pe nun dì de peggio,

speranno serva pe lezzione batte

su come nun se pò bissà ‘sto sfreggio.

***

Stefano Agostino

***