Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Settembre 2020

Urtimo giorno d’Estate

Urtimo giorno d’Estate

***

L’urtimo giorno a siparià l’Estate

 cambio de scena, de costumi e d’atto,

21 de settembre, er dado è tratto,

abbassa le seranne sconcallate.

***

Da ‘sti novanta giorni in cui, de fatto,

er Sole s’è ‘ngozzato le giornate,

rimaste in cerca d’ombra e a sfojà date

pe quattro mesi, come un cane e un gatto.

***

Er cèlo, de un azzuro ancora acceso,

pare nun voja già passà la mano

a chi sta in dirittura, ma è in sospeso.

***

Che guiderà er timone piano piano

dar tempo de un domani poco atteso,

er Sor Autunno tipico e romano. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Settembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

***

“Er Regno – disse – è come quer Padrone

che cerca chi lavora la Sua vigna,

così che sorte a l’arba, eppoi, de tigna,

sta fin’a sera a recrutà perzone.

***

Esce a le nove e a mezzodì e risvigna

pure a le tre e a le cinque, stessa azzione,

vòle trovà chi è senza occupazzione,

pe fàllo guadambià, così nun sghigna.

***

A sera je dà a tutti quanti un sòrdo,

quarziasi ora se sò presentati,

e si li primi nun saran d’accordo …

***

… d’èsse l’uguali a l’urtimi pagati,

Lui je dirà così: “Io v’aricordo

che noi così se semo accordati …

***

… così sarà Lassù, pe fà un raccordo,

succederà che l’urtimi arivati,

  saranno primi Là a salì a bordo”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

19 Settembre 2020

Verona – Roma

Verona – Roma: 0-0

***

Comincia co un pareggio zero a zero,

er novo anno e la nova staggione,

che se direbbe sia senza emozzione,

ma chi dice così nun dice er vero.

***

Pe pali presi da ‘gni formazzione,

e er gioco costruito tutto intero,

la gara è stata viva pe davero,

pe tutto er tempo, fin’a conclusione.

***

Ma resta, dopotutto, ‘na domanna

che nun se pò evità … è si co Dzeko

cambiava er risurtato de ‘na spanna.

***

Ma è un discorzo che nun cià ‘na eco,

sinnò ar cervello de chi mó commanna,

che nun ce pò lassà quer vòto bieco.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Trilussa – A un amico

A un amico

***

Che te ne viè in saccoccia quanno hai pianto?

T’ha lassato pe quello? Poco male.

Si lei se fa cosà da l’ufficiale

tu mettite co Giggia e fa artrettanto.

***

La donna cià quer vizzio naturale

prima vò bene, nun se sa si quanto,

poi se stufa e è finito, pe me tanto,

oneste o no, sò tutte tal’e quale.

***

E quanno te se magneno de baci

che nun te dànno tempo de risponne,

mica è pe gnente, è segno che je piaci.

***

Ma nun te crede che te s’affezzioni,

nu’ lo sai che l’amore de le donne,

è sempre ‘na rottura de illusioni?

***

Trilussa

_____________________

*****

I sonetti romani,Romanamente

18 Settembre 2020

La salute nun è ‘no schieramento

La salute nun è ‘no schieramento

***

‘Sto virus cià poi l’arte maledetta

de diventà campagna elettorale,

ner verzo o contro, poco conta er male,

se prenne a esempio pe la propia fetta.

***

Come si la salute nazzionale

sia de sinistra o destra e ‘sta pastetta

de pro o contro, possa fà da retta

pe vince a l’elezzioni o magnà er sale.

***

Invece de penzà a vaccini e cura,

se usa er virus, come l’occasione

pe portà l’acqua der mulino in mura.

***

E vale pe governo e opposizzione,

cor Covid a daje ancora e più la stura

pe continuà a scallà quele portrone.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Giochi di parole,I sonetti romani

17 Settembre 2020

Atto, etto, itto, otto, utto

atto, etto, itto, otto, utto

Atto, etto, itto, otto, utto

***

Sonetto mezzo scemo o fórze tutto,

der resto viè da me che so’ un ber matto,

‘ndove infilacce, senza usà gran tatto,

sia ATTO, ch’ETTO, ITTO, OTTO e UTTO.

***

Nun so nimmanco io perché l’ho fatto,

né poi si er risurtato è bello o brutto,

è un modo pe giocà, senza costrutto,

co le parole, come er micio e er ratto.

***

Lettore mio ciài da pagà ‘sto scotto,

che in fonno è sempre mejo de un affitto,

si passi da ‘ste parti sott’a un tetto …

***

… de casa senza mobbili e salotto,

né pavimenti o muri, né soffitto,

ma che s’aregge tutta sur sonetto.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Settembre 2020

16 settembre 88

16 settembre 88

***

Er sedici settembre ottantotto,

me l’aricordo come fosse adesso,

nun se dimentica, io credo, spesso,

er primo giorno de lavoro e trotto.

***

Diciotto l’anni e quarche mese appresso,

un regazzino più che un giovinotto,

a guardà l’artri, granni e grossi, lotto

pe nun scappà, già solo lì a l’ingresso.

***

Io che puzzavo ancora de liceo,

che ce facevo in mezzo a quer via-vai

de ommini co l’anni de un museo?

***

Ma si quer giorno me n’annavo, sai

quanto me rimpiagnevo mó er trofeo

d’avé un lavoro, da decenni ormai?

***

Stefano Agostino

_____________________________

***