Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Frammenti di Roma’ Category

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

28 Giugno 2021

Li sette colli

Li sette colli

***

Er primo, ch’è er più antico, è l’Aventino,

se passa poi in rassegna ar Viminale,

a cui s’accoppia spesso er Quirinale,

li segue a rota sempre l’Esquilino.

***

Poi ce sta er Celio, ’ndó c’è l’ospedale,

der marinaro come de l’arpino,

vicino ar Colosseo, c’è er Palatino,

a chiude er Campidojo, più centrale.

***

È su ’sti colli che s’adaggia Roma,

pe fasse riccontà da li sonetti,

che escheno da soli in de ’st’idioma.

***

Così da fà quattordici verzetti,

uniti inzieme pe rimà l’assioma,

che Roma s’ama co preggi e difetti.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

25 Giugno 2021

Fornari der Ghetto

Fornari der Ghetto

***

Tra li vicoli sparzi indentro ar Ghetto,

quanno ch’arbeggia, la matina presto,

le sole luci in mezzo ar buio pesto,

sò quelle lì de quarche caminetto.

***

Ma prima de ’sti lumi, viè più lesto,

l’odore che te penetra ner petto,

der pane appena fatto, co l’effetto

d’arisvejatte si nun t’eri desto.

***

Nun è solo un profumo, ma un’essenza,

tripudio de farina cott’ar forno,

che sa de casa, tant’è forte e intenza.

***

Ma sbrighete, ché quann’ariva giorno,

se porta via quer soffio de ’ncoscenza,

che nun lo pòi sapé si fa ritorno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

22 Giugno 2021

Villa Pamphilj

Villa Pamphilj

***

Si nun l’hai fatto ancora fino a ieri,

’na vorta vacce ar tempo de l’aurora,

ch’er sole piano piano la colora,

de verdi vivi, forti, pieni e veri.

***

Sta lì pe te, vestita da signora,

solo che passi in mezzo a li sentieri,

dimentichi le noie e li penzieri,

cor vento ch’accarezza quer che sfiora.

***

Ner saliescenni pòi ’ncrocià er laghetto,

abbraccicato a l’arberi d’attorno,

piantati lì che pareno un quadretto.

***

Si arzi l’occhi ar celo c’è er ritorno,

de passeri che canteno in farzetto,

Villa Pamphilj è tua dopo quer giorno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

18 Giugno 2021

Porta Portese

Porta Portese

***

È rito, la domenica matina,

annà giranno pe Porta Portese,

cercanno robba che nun cià pretese,

dar cencio vecchio a ’na lampadina.

***

Ma tocca stà in campana co le spese,

capanno tra la merce ballerina,

che si ’na cosa nun è truffardina,

ce sò un sacco de sòle e de sorprese.

***

Un “Tutt’a 10 euri” inzù quer banco:

“Signo’, ’sta tuta è la misura sua?

Je sta sputata e ce l’ho pure in bianco!”

***

“La soneria me pare quella tua,

ma sì… quella der tizzio qui a fianco?” –

“È er cellulare mio, mortaccisua!”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

16 Giugno 2021

Piazza Navona

Piazza Navona

***

La più famosa pe le bancarelle,

l’artista, er mimo, er mago, er sartimbanco,

chi tenta la fortuna a quarche banco,

e chi se pò magnà quele ciambelle.

***

Su ’na panchina c’è un turista stanco,

ma l’occhi accesi come du’ fiammelle,

Fontana de li Fiumi, ch’è ribbelle,

a Sant’Agnese che je sta de fianco.

***

Tra zuccheri velati e marionette,

li strilli de pupetti a la sottana,

ce sò presepi, grotte e statuette.

***

Piazza Navona se fa più romana,

quanno s’ariempie de scope e carzette,

la notte che s’aspetta la Befana!

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

13 Giugno 2021

Er raccordo anulare

Er raccordo anulare

***

De l’inventore s’è spento er ricordo,

sostituito da la locuzzione,

co cui se dice circonvallazzione,

pe tutti li romani, è er “raccordo”.

***

Invece GRA più che un’abbreviazzione,

è er nome che de certo è un po’ balordo,

de chi a Roma j’ha segnato er bordo,

ch’è anulare pe la precisione.

***

L’intento era perciò miracoloso,

pe sbrojà Roma sempre imbottijata,

tra machine e caos senza riposo.

***

Ma chiusa pe lavori in careggiata,

da la “Via Aurelia” a “Casal Lumbroso”,

de GRA ce sta ’sto STRO che l’ha ’mboccata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

10 Giugno 2021

Fontana de Trevi

Fontana de Trevi

***

Deposito de spicci e monetine,

lanciate da turisti de passaggio,

speranze de tornà, in artro viaggio,

a respirà le arie ponentine.

***

E a guardalla viè com’er miraggio,

de Dorce Vita e belle ballerine,

de scene d’avventure truffardine,

in cui Totò spacciava quer lignaggio.

***

È in pieno centro, ma se sente er mare,

Oceano, cavalli e li tritoni,

co l’acqua azzura ’ntorno a fà d’artare.

***

E notte e giorno, su pe li gradoni,

abbraccicato stanzia regolare,

l’inciucio tra stragnere e vitelloni.

***

Stefano Agostino

______________________

***