Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

5 Febbraio 2021

La colazzione

La colazzione

***

Pòi dimme tutt’er cacchio che te pare,

nun ciarinuncio mica a ’sta delizzia:

nun ciò giornata mai che nun inizzia,

senza ’na bella colazzione ar bare.

***

Sarò signore (embè?), si è un’ingiustizzia,

allora finirò dietr’a le sbare,

ma pure ar gabbio tra sorci e zanzare,

nun me se torga ’st’unica letizzia.

***

E pe conclude a senzo ’sto sonetto,

qui ciò d’ariccontà com’ha da èsse,

’sto rito matutino benedetto.

******

È er matrimonio, e mica pe interesse,

tra Tazzadecappuccio e sor Cornetto,

che ne l’inzuppo è come si godesse.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

2 Febbraio 2021

La Cannelora

La Cannelora

***

Da quanno ch’ero un pupo che lo sento,

ner giorno esatto de la Cannelora,

er detto “de l’inverno semo fòra”

si ce sta er sole e nun piove cor vento.

***

Come pe rivortà libbeccio in bora,

tanto pe dà un’idea de cambiamento,

se dice mó, co artro intennimento,

che, si c’è sole, er freddo dura ancora.

***

È pure vero che er tempo è vario:

estate, autunno, inverno e primavera,

sò cose fatte più p’er calennario.

 ***

’Na cosa c’è de certo che s’avvera:

’gni inverno tira giù scene e sipario

er 20 marzo, quinni, aspetta e spera !!!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

30 Gennaio 2021

Er sampietrino de Piazza Venezzia

Er sampietrino de Piazza Venezzia

***

Sei cubo, si scavato, sei massiccio,

un sercio quadro, che s’è messo in fila,

co l’artri appiccicato, in diecimila,

come in un “puzzle”, a coprì er tericcio.

***

Accatastato sopr’a quela pila,

t’hanno poggiato lì, ché davi impiccio,

(chissà chi s’è levato ’sto capriccio),

aspetti che quarcuno t’arinfila.

***

Come si fusse solo che un’inezzia,

te vonno toje pe colà l’asfarto

e rifà er fonno de Piazza Venezzia.

***

Cervello ch’a ’st’idee j’ha dato parto,

dimostra, co ’st’inutile facezzia,

ch’è solo lui er sercio ch’è de scarto.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

23 Gennaio 2021

La presa de coscenza

La presa de coscenza

***

Ma che te guardi de prima matina?

E spiegame, de grazzia, chi saresti?

Eppoi che vonno dì tutti ’sti gesti?

Me metti ’na scacagna ballerina!

***

De faccia pare ciài ducento aresti,

nemmanco fussi un mezzo Totò Riina,

la barba lunga e li capelli a spina,

l’occhi abborzati, scarcagnati e pesti.

***

Pe datte un bricioletto de decenza,

te do un conzijo, si me presti orecchio:

da un estetista pìa la residenza.

***

Ar posto tuo m’ero buttato ar secchio,

me tocca d’annà via, ché ciò un’urgenza,

tu che te segui, ahó ?!? … Ma sei ’no specchio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

22 Gennaio 2021

Er dilemma der bucale

Er dilemma der bucale

***

Da sempre vive un dramma esistenziale,

che è un continuo e lento andirivieni:

si ce l’hai vòto, tocca che lo ’mpieni,

si l’hai riempito, s’arisvota uguale.

***

Circuito che collega gola e reni,

se pò chiamà “dilemma der bucale”,

che quann’è vòto te se sente male,

ma pieno nun sa stà, ché nun lo freni.

***

E ’st’artalena ar vetro a ’ste magnere,

succede solo si tracanni er vino,

co l’acqua nun ce sò ’ste tiri-tere.

***

Ma bada che si segui ’sto trenino,

de riempi-e-svota-e-riempi quer bicchiere,

te “beveno” ar test der palloncino.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

19 Gennaio 2021

Er riposo der gueriero

Er riposo der gueriero

***

Riposo der gueriero de forchetta,

che fin’a poco fa come magnava,

manco ’na tigre a l’isola de Giava,

pur’a lustrasse er piatto co scarpetta.

***

È steso lì, dar trono ch’occupava,

’sto Re de “Cacioepepe” e de “Porchetta”,

che dopo la magnata prediletta,

s’accascia e se sletarga a fà la bava.

***

Stennese a letto, ch’hai finito er piatto,

a guardà bene, nun è mica strano,

nun è ’sto magnaccione a èsse matto.

***

È er campà d’oggi che nun è più sano,

ce porta sempre a córe, quest’è er fatto,

chi pò appennicasse è già marziano!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Gennaio 2021

La sveja

La sveja

***

Sto lì pacioso e càllo indentr’ar letto,

sott’a le pezze e dormo come un sasso,

quann’ecco un teremoto, ’no sconquasso

e in de l’orecchie un trillo maledetto.

***

Je legherebbe ar collo er più gran masso,

pe poi frullallo in giù dar parapetto,

a chi un ber giorno s’è preso er brevetto,

de svejà er monno intero cor fracasso.

***

Sei senza còre e nun te faccio pena?

Me pare d’èsseme addormito adesso,

ma che te strilli …peggio de ’na iena.

***

Vorebbe èsse riccone, lo confesso,

pe nun svejamme più co ’sta sirena,

fàlla sonà sortanto in fonn’ar cesso!

***

Stefano Agostino

________________________

***