Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Settembre 2021

L’incazzato perenne

L’incazzato perenne

***

Capisco che ’gni tanto ciài ’no scatto,

chi nun s’arabbia mai è nato male,

ma nun pò èsse certo naturale,

che ’gni momento strilli come un matto.

***

Ce sarà un giorno, prima der finale,

che nun te scalli più pe quarche fatto,

che t’avvelena ar punto che, pe tratto,

perzino “Hulk” lo fai sembrà normale.

***

Quanno ritorni in te, te renni conto,

de quant’è brutto perde la raggione,

ortre ch’er tempo, che nun cià confronto.

***

Ma è ’na goccia in mezzo a l’alluvione,

co gnente vedi rosso e già sei pronto,

che pari un toro da competizzione.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

5 Settembre 2021

L’anzia

L’anzia

***

Nemica dichiarata senza appello,

te strigne in gola e in più t’appalla l’occhi,

ar còre pompa er sangue e li rintocchi,

li senti rimbombà fino ar cervello.

***

È l’anzia che te pìa e te lassa a tocchi,

co l’arte sua de combinà un macello,

domanna d’un futuro a indovinello,

che nun ponno risorve li tarocchi.

***

Così che penzi a quanto de più brutto,

te pò succede e stai preoccupato,

che ciài quer grugno lì che dice tutto.

***

Quanno er probbrema poi l’hai superato,

l’anzia che se ne va t’ammolla er frutto,

der mar de testa fisso pe legato.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Settembre 2021

Me s’è rotto er minolo

Me s’è rotto er minolo

***

Der piede er mignoletto detto minolo,

io ieri l’ho intruppato su ‘no spigolo,

me s’è piegato giusto tipo svicolo,

le stelle ch’ho veduto come in circolo.

***

‘No strillo sordo guasi fusse cigolo,

ho emesso sur momento poco frivolo,

er ghiaccio ciò passato come intingolo,

servito a poco pe placà quer singolo …

***

… ditino rotto come da patibbolo,

ch’e diventato viola e batte a cingolo,

sto fìo de madri degne de postribbolo.

***

Sò tutte assonanze senza vincolo,

pe riccontà ‘sto fatto un po’ ridicolo,

e ‘sto dolore che me dole ar mignolo.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

2 Settembre 2021

Li piccioni

Li piccioni

***

Nun me ne voja er monno animalista,

la lega a protezzione de l’ucelli,

ché qui ce l’ho sortanto contro quelli,

che fanno Roma tera de conquista.

***

Ché ce lo so, saranno pure belli

e anche fotoggenici in rivista,

ma p’er romano e chi nun è turista,

c’è poco da cantaje li stornelli.

***

Appollaiati in pizzo a cornicioni,

voleno bassi, pe atterà in piazza,

beccanno briciolette e molliconi.

***

Solo che viè da estingueje la razza,

quanno che ’sta calata de piccioni,

quer ch’ha magnato poi lo scacarazza.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

1 Settembre 2021

Primo settembre

Primo settembre

***

Primo settembre: ariparte tutto,

come l’incomincio de la scòla,

strilla la sveja e basta ’sta parola,

pe dà un’idea de come e quant’è brutto.

***

E nun la so fermà, la mente vola,

pe tojeme la sete cor preciutto,

a la vacanza, com’è ita e er lutto

d’aritornà ar presente che sconzola.

***

Le prossime vacanze sò miraggi,

ché prenne ferie adesso è un’utopia,

come fà go’ così, senza passaggi.

***

Mó basta co ’st’amara nostargia,

de posti, situazzioni e paesaggi,

qui ce sò solo carte e scrivania.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Agosto 2021

S.P.Q.R.

S.P.Q.R.

***

’Sta sigla che finisce co la “ere”,

e co una R sola, chiaramente,

dà l’inizziali a la Romana Gente,

eco d’antichi fasti, storia e guere.

***

“Senatus” sì, ma mica l’accidente

de quello d’oggi, servo der potere,

ma er “Populus”, de carci ner sedere,

n’ha presi allora, come ner presente.

***

L’acronimo che incute gran rispetto,

ar centro de ’no scudo rosso e oro,

quanno lo guardo m’arigonfia er petto.

***

E pure che dà freggio o fa decoro,

a un nasone, un cesso o un cassonetto,

co S.P.Q.R. me ’nnamoro!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Agosto 2021

‘Na sera a Garbatella

‘Na sera a Garbatella

***

Si vòi gustatte, senza ghirigori,

piatti romani e beve a garganella,

fatte un giretto pe la Garbatella,

ch’è come magnà in casa, stanno fòri.

***

È er mejo posto ’ndó ce se stornella,

chitare ch’arintoneno li cori,

e nun ce sò poracci, né signori,

ma solo gente alegra in comunella.

***

Trippa, pajata, abbacchio scottadito,

li sartimbocca, un piatto de facioli,

er tonnarello a cacio e pepe è rito.

**+

Senza tovaja e senza tovajoli,

sur tavolo ch’è pure un po’ sdrucito,

ma come magni già t’ariconzoli.

**+

Stefano Agostino

_____________________

***