Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

2 Settembre 2020

Prima der ritorno a scòla

Prima der ritorno a scòla

***

M’ariccomanno famo che ‘ste scòle,

‘ndó stanno pe sonà li campanelli,

pe riaprì de novo li cancelli,

co bimbi e co regazzi a fà le spole …

***

… sueggiù pe aule e scale e li bidelli

tornà ar lavoro loro, si Dio vole,

e l’inzegnanti, pieni de parole,

d’arigalà a l’alunni e fà l’appelli …

******

… se faccia tutto quanto in sicurezza,

controllo de distanza e mascherina,

e co prudenza, serietà e fermezza.

***

Ch’er virus nun è morto e nun cià tomba,

anzi ne la cartella ‘gni matina,

pò fà de ‘gni scolaro un pacco bomba.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

1 Settembre 2020

Primo settembre er dì de Sant’Egidio

Primo settembre er dì de Sant’Egidio

***

Primo settembre, er dì de Sant’Egidio,

è guasi come un artro capodanno,

aricomincia er quotidiano affanno,

‘gnuno a li propi posti de presidio.

***

Rientro generale, un ber danno,

che già da solo stimola er suicidio,

ce vò la metamorfosi de Ovidio,

pe sopportà ‘sto giorno pe ‘gni anno.

***

Ma in fonno in fonno … giusto in fonno in fonno,

è bello aritornà … scrollanno er grugno,

ar più vicino e conosciuto monno. 

***

Nun t’ho convinto e me daresti un pugno?

Me sa che ciài raggione, si ner sonno

me so’ sognato oggi, primo giugno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 Agosto 2020

Cotto a puntino

Cotto a puntino

***

Credevi fusse morto indentr’ar petto,

e invece ce l’hai lì che ancora batte,

te lo credevi areso ner combatte,

quanno ch’ancora lotta co l’ermetto.

***

 Intenno er còre tuo … basta guardatte,

senza nemmanco rifissà l’aspetto,

che stai come quann’eri regazzetto,

appresso ar primo amore da sognatte.

***

Dicevi che nun eri più disposto

a perde tempo e sonno pe nessuna,

ce credevamo tutti e tutt’apposto.

***

Poi t’è bastato già un chiaro de luna,

l’abbraccio e un bacio e ‘na notte d’agosto,

che stai più cotto der Sahara a l’una.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Agosto 2020

Nummeri: UNO

Nummeri: UNO

***

È l’unità, er primo, er più nanetto,

è er nome de quer tizzio, quer quarcuno

l’omo qualunque che se dice “uno”,

è Uno e Trino l’Essere perfetto.

***

Inzieme a centomila e a nessuno,

diceva Pirandello e er mio rispetto

è er “single” si vò stà solo soletto

o pe scerta de l’artri, sarvognuno.

***

Er nummero ch’è er primo de la scala

er pollice ner conto de le dita,

che ner prodotto er totale impala.

***

È acceso ner “binario” e ne la vita

è er vero amore, quello che nun cala,

ch’è solo “uno” fin’ar cartello “uscita”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 Agosto 2020

Er soriso

Er soriso

***

Ce la pòi fà, lo so, famme un soriso!

Pure che nun te va, nun dole mica!

Stenni ’ste labbra, Dio te benedica,

bravo così, perfetto, su quer viso.

 ***

Ce sei riuscito! È tutta ’sta fatica?

T’ho visto sai che guasi guasi hai riso,

seconno me lassù ner Paradiso,

ce sta ‘gni faccia che soride amica.

 ***

Dentr’a un soriso e manco mai anniscosta,

c’è l’anima che vole sortì fòri,

pe abbraccicasse l’occhi fatti apposta.

 ***

E nun ce sò ricchezze superiori,

de quella in cui er soriso è la risposta,

a guai, penzieri, infamità e dolori.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 Agosto 2020

‘Na vita più serena

‘Na vita più serena

***

Nun te la pòi pià sempre pe tutto,

capisco avecce zelo e gran fervore,

sò cose che dimostreno l’amore,

da innaffià p’er monno ch’è a l’asciutto …

***

Ma incazzasse pe ventiquattr’ore,

pe quer che poi succede dapertutto,

speranno de riuscì a toje er brutto,

nun serve a gnente e te fa male ar còre.

***

Si vòi passà ‘na vita più serena,

penza a che ciài a l”ntorno e quant’è bello,

nun stà sempre a contà chi t’avvelena.

***

È ‘na magnera de aprì un ombrello,

p’ariparasse quann’er monno è in piena,

sarvannose dar peggio der macello.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 Agosto 2020

“Clinicamente morto”, ma de che?

“Clinicamente morto”, ma de che?

***

Certo si raggionassi più tranquillo,

cor virus che continua a dà contaggio,

de certo, quantomeno un po’ più adaggio,

te ne usciresti: “È morto!” … o no? …. Zangrillo.

***

Perché si è morto, e stamo come a maggio,

c’è quarche cosa che, me viè da dillo,

lo fa risuscità, visto lo squillo,

de ‘sta seconna onnata de passaggio.

***

Co ventidu’ mijoni de infettati,

dico ner monno, si questo è l’annazzo,

a dì ch’è morto cià li stessi dati …

***

… de li terrapiattisti e un imbarazzo

dovrebbe da venitte … quanno fiati:

“Clinicamente morto” … sì, cor cazzo !!!

***

Stefano Agostino

_________________________

***