Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

24 Aprile 2021

Er re de le sette note

Er re de le sette note

***

Un giorno un omo domannò cortese:

“Tu sai chi è er mago de le sette note?”

E l’artro, co le mano su le gote,

ce penzò su, ma nulla je s’accese.

***

Provò co le risposte più remote,

fin quann’er primo tronfio l’ariprese:

“Mó te lo dico io – l’artro s’arese –

È er farzario: segna e fanne dote”.

***

Ma er seconno, contestò dubbioso:

“Me stai a cojonà, caro compare?

Perché er farzario? Dimme … sò curioso”.

***

E er primo, co un soriso circolare,

je disse: “Er farzario è melodioso,

perché …se sa … FA  SOL-DO  SI-MI-LA-RE”.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Aprile 2021

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

***

Fu Romolo, se sa, come un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo zompò, entranno in quer tracciato.

***

Romolo, fin’a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

a Roma nun se pò commannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Aprile 2021

Rischio raggionato

Rischio raggionato

***

Qui l’argomento sò le riaperture,

inzieme a quer rischio carcolato,

che poi è diventato raggionato,

pe fà l’allentamento de misure.

***

È giusto da riaprì, quest’è scontato,

sò troppe l’esiggenze ormai mature,

e utilizzà modalità sicure,

conzente a tanti de riprenne fiato.

***

Ma er punto resta quinni la “raggione”

ch’ha fatto qui ‘sti carcoli d’adesso,

si è così o più pe l’oppignone.

***

Ché stanno a li virologgi lo stesso

aprì co li contaggi e ‘sta staggione

è ‘na scemata portata a l’eccesso.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 Aprile 2021

Er Paperaro

Er Paperaro

***

De fronte a me ce vive “er Paperaro”.

Nun è ’no scherzo mica, è tutto vero:

’sto mezzo matto, pe nun dì ch’è intero,

convive co du’ papere ar riparo.

***

Ma si ’sto fojo bianco sfumo nero,

nun è p’ariccontà ’sto fatto raro,

è più p’evidenzià che l’ucellaro,

pe l’artri cià er rispetto sotto zero.

***

Le papere “quaqquà” da ’nzotto ar tetto,

nun sò du’ cani che li porti in giro,

pe li bisogni e torni indentr’ar letto.

***

Perciò lui s’è ’nventato ’sto raggiro:

d’usà er terazzo come gabbinetto,

scacarazzanno chi je viè a tiro.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Aprile 2021

Er lunedì come dovrebbe èsse

Er lunedì come dovrebbe èsse

***

Er lunedì come dovrebbe èsse,

la settimana che se fa perfetta,

no solo come oggi ch’è Pasquetta,

ma pe 52 vorte ben messe.

***

Er giorno che nun cià senzo de fretta,

sinnò pe accenne braci e corze e resse,

pe accaparasse posti co le stesse

magnate fòri porta ch’oggi dètta.

***

Allora sì ch’er lunedì indiggesto,

diventerebbe d’Angelo davero,

purtroppo ce n’è uno solo … questo.

***

Pe ‘sto motivo va apprezzato intero

l’unico lunedì che nun contesto,

anzi che adoro … tutti l’artri zero!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Marzo 2021

Ora legale

Ora legale

***

Te spiego che vor dì l’ora legale:

’gni vorta quann’è tempo tocca fàllo,

e nun se sa perché, rimane un giallo,

ritorna tutti l’anni micidiale.

***

’Gni orologgio c’è da rispostallo

un’ora avanti, pure che va male,

ma tocca fà così, è ufficiale,

quanno s’allunga er giorno e fa più càllo.

***

A l’urtima domenica de marzo,

sessanta li minuti in avanti,

pe tutti l’orologgi, pur’ar quarzo.

***

Li giri de lancette devastanti,

ché quann’è lunedì, prima che m’arzo,

ce vò ’na gru pe carichi pesanti.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

10 Marzo 2021

Er sonno mio

Er sonno mio

***

Er sonno mio è più narcolessia,

nun è solo un sentore de cecagna,

l’occhio ch’è apparpebbrato già se lagna,

pe cercà un letto, quale, purchessia.

***

E la capoccia è un sercio de montagna,

barcolla pur in faccia a chicchessia,

so’ nato omo, mica so’ messia,

quanno me pìa er sonno, me se magna.

***

Nun c’è rimedio, né arternativa,

me devo mette in giù p’orizzontale,

cor monno che me cambia prospettiva.

***

Ma in quela posizzione naturale,

si nun ciavrò chissà che inizziativa,

de certo nun potrò mai fà der male…

***

Stefano Agostino

_________________________

***