Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

13 Maggio 2020

A Deborah

A Deborah

***

L’Amica co la A che c’è più granne,

de Deborah ce n’è sortanto una,

ché come lei nun ce n’è nessuna,

nun è ‘na frase fatta da nun fanne.

***

Lei è così e come fa la luna,

accenne er celo che la notte espanne,

lei è quella che tu quanno che sei in panne,

co lei ariparti e vale ‘na fortuna.

***

Sempre un soriso, sempre ‘na parola,

‘no sguardo solo che vale un abbraccio,

Amiche come lei ce n’è una sola.

***

Lei è così, senza fà trucco o inganno,

13 maggio … oggi … e qui me taccio,

auguri Deborah … bon compreanno.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Maggio 2020

Voce fòri coro

Voce fòri coro

***

Sarò ‘no scemo ch’è fòri dar monno,

pe me riaprì così un po’ tutto quanto,

me pare un po’ affrettato e pure arquanto,

sarà paura, embè? … Nun lo nasconno.

***

Ma er virus gira ancora e pure tanto

e me domanno, ma nun me risponno,

si poi sta fase due nun è che in fonno

un aprì tutto pe zittì quer canto …

***

… de le sirene de chi cià interessi

che vargheno deppiù der grosso rischio

che tutto aricominci co li stessi …

***

… contaggi e contaggiati e co l’immischio

de casi, de ‘ntubbati e de decessi …

che dice: “io riapro e me ne infischio”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Maggio 2020

A che serve fasse la guera?

A che serve fasse la guera?

***

Capisco le raggioni der Governo,

ma anche quelle de l’opposizzione,

p’er primo, co ‘sta rogna de gestione,

pe la seconna, prospettà l’arterno.

***

Ma intanto se divide la nazzione,

chi sta co Conte e chi contro in eterno,

quanno ar momento mejo era un fraterno,

restà uniti in collabborazzione.

***

Che nun ce serve er muro contro muro,

ma mosse pe riarzà er Paese intero,

le chiacchiere nun serveno, sicuro.

***

Ce sta da ripartì … tanti da zero,

e solo Dio lo sa de quant’è duro,

ma fatto tutti assieme è meno nero.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 Maggio 2020

A parlà chiaro se va

A parlà chiaro se va

***

Che te ce vò, tu dimme, a parlà chiaro?

Senz’ annisconne er vero in der penziero,

a dì er bianco ar bianco e er nero ar nero

e no cercà ‘na scusa pe riparo.

***

A parlà chiaro, ch’è l’èsse sincero,

pe quanto spesso t’arisurta caro,

se va, lo dice er detto, mica baro

e nun se sbaja certo a dì er vero.

***

Ché troppi guai io me sarei evitato,

si avessi detto chiaro che volevo

in tanti episodi der passato.

***

In vita ‘gnuno cià un medioevo,

ma poi un rinascimento je viè dato,

er mio è ar “parlà chiaro” che lo devo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 Maggio 2020

Nun era “uscite tutti”

Nun era “uscite tutti”

***

Me sbajerò: ciò netta senzazzione,

ch’er 4 maggio ha sciorto le catene,

de chi ciaveva er sangue ne le vene

che urlava: “esci da ‘st’abbitazzione”.

***

De chi de giorno e notte, pranzi e cene,

parla da mesi già de reclusione,

è stanco d’affacciasse dar barcone,

pe urlà che annerà poi tutto bene.

***

Così se formeno li capannelli 

de gente a chiacchierà ravvicinata,

da poche mascherine e tempi belli.

***

Ce vò prudenza e c’è riccomannata

da medici e politici e in appelli …

spero nun stamo a fà ‘na gran cazzata!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Maggio 2020

Er 4 maggio

Er 4 maggio

***

Così è arivato ar fin er 4 maggio,

l’inizzio de li primi allentamenti, 

du’ mesi de lockdown e isolamenti,

in cui ‘sto giorno era più un miraggio.

***

Ma ciànno detto: “Bada, state attenti,

nun è libberi tutti, annate adaggio,

ché ce sta ancora er rischio der contaggio,

se ponno visità pochi parenti …

***

… Se pò fà sport, ma si è individuale,

sò da portà così le mascherine,

e la distanza a un metro è essenziale.

***

Su mezzi pubbrici e pe vetrine

c’è un massimo de gente e la stanziale

cià la Reggione a faje da confine”.

***

Inzomma ancora è guasi tutto uguale,

a quer ch’è stato ‘sti du’ mesi e er fine

è d’evità che s’arisveji er male.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

30 Aprile 2020

Tana libbera … lutti

Tana libbera … lutti

***

Qui stamo ancora in piena emergenza,

‘sta cosa nun è entrata bene in testa,

ché da ‘gni ‘ndove move la protesta,

tutti vonno riaprì e avé licenza …. 

***

… de uscì e de tornà a vive e se contesta

la scerta, cor parere de la scenza,

de ‘sto Governo, ch’è più de prudenza,

cor rischio che poi er virus s’aridesta.

***

Riaprì de certo sì, ma in sicurezza,

pe nun vanificà ‘gni sacrificio,

perciò ce vò pazzienza e co fermezza …

***

… ce sò da rispettà le decisioni,

ché er Covid, zitto zitto, micio, micio,

sfrega le mano e rompe li … pormoni.

***

Stefano Agostino

____________________________

***