Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

11 Novembre 2020

L’11 de novembre: San Martino

L’11 de novembre: San Martino

***

L’unnici de novembre è San Martino,

quello famoso che tajò er mantello,

pe danne ‘na metà a scallà un porello,

ch’ebbe incontrato ignudo p’er cammino.

***

Da ch’era brutto, pioggia e venticello,

er Sole se stanò dar nasconnino

sortì de fòra e ariscallò er matino,

ché nun occorze più lana, né ombrello.

***

E quanno che fu notte e bujo pesto

a San Martino, poi, j’apparve in sogno

Cristo pe ringrazziallo de quer gesto …

***

… E je promise che in quele giornate

da lì e pe sempre a chi ce n’ha bisogno,

j’avrebbe arigalato un po’ d’estate.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Novembre 2020

Vaccino vicino

Vaccino vicino

***

E finarmente un sorzo de speranza,

contro ‘sto virus zozzo e assassino,

pare se stia bon punto cor vaccino,

che sembra avecce bona risurtanza.

***

Semo a l’inizzio e ce vorrà un casino

pe dàllo a tutta la cittadinanza

der monno, ma comunque l’importanza

de avello guasi pronto è un ber bottino.

***

Speranno che se trovi anche la cura,

così se possa tutti finarmente

tornà a un’esistenza più sicura.

***

Abbraccicasse e stà in mezzo a la gente,

e a un po’ de tosse e de temperatura,

risponne ar: “Ma che ciài?” – “Davero gnente!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Novembre 2020

Testa a testa de …

Testa a testa de …

***

Già che ce sia perzino un testa a testa,

te fa cascà davero l’attribbuti,

ché se saprà a l’urtimi minuti,

chi ha vinto in USA e potrà poi fà festa …

***

… dimostra che nun sò ancora cresciuti,

che ‘sti quattr’anni co le sue gesta,

sò stati li peggiori e quer che resta,

è un monno intero a l’arberi pizzuti.

***

Penzavo a ‘na vittoria eclatante,

e invece ce sta piena e dura lotta,

ché uno a l’artro nun je sta distante.

***

Speranno de nun prenne un’artra botta,

l’America in pasto ar suo regnante,

mejo sarebbe pure James Pallotta.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 Ottobre 2020

31 ottobre, usa la zucca!

31 ottobre, usa la zucca!

***

Amico mio te prego, damme ascorto:

nun festeggià più Halloween p’er fatto

ch’è un modo d’esartà quer “granne ratto”,

padrone de l’Inferno e er monno morto.

 ***

Dietr’a le zucche vote e a quarche gatto,

se vole richiamà quer “drago sciorto”,

co simboli de mostri e streghe, abborto

d’artre curture de tutt’artro tratto.

***

Nun dico p’er dorcetto o lo scherzetto

quanno li bimbi soneno a la porta,

nun ciavrei scritto certo ’sto sonetto.

 ***

Usa la zucca intera e da stavorta,

nun daje spazzio ar “verme” e ar suo aspetto,

tra li fantasmi, zombie e gente morta.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 Ottobre 2020

La doppia ora

La doppia ora

***

Er tempo quanno mai aritorna indietro,

né mai se ferma e manco mai s’aresta,

ma un’eccezzione sola c’è, ch’è questa,

de l’ora che pe un’ora torna addietro.

***

Stanotte pe le tre ‘gni mente desta,

si guarda l’orologgio, fronte ar vetro,

vedrà quele lancette tornà retro,

de un’ora esatta, senza dà de testa.

***

Vabbè, lo so,  è un’immagginazzione,

me piace assai penzà a ‘sta doppia ora,

come si er tempo desse un’occasione.

***

Sta a noi sfruttalla, prima che se sfora,

ma er fatto è che ‘gni vorta, da cojone,

sto già a dormì e me svejo quann’è aurora.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Ottobre 2020

Er buciardo

er buciardo 

Er buciardo

***

Ma che ce proverai a dì bucie?

Che bella professione e ber mestiere,

quello de chi vò incartà pe vere,

le più fandonie tra le fantasie.

***

Te puzza riccontà cose sincere,

senza artifici e spece de maggie,

pe trasformalle in millanterie

che manni in giro, pure cor coriere?

***

A vòrte dì ‘na balla è opportuno,

ma artra cosa è l’èsse un cantante,

buciardo pure ne l’uno più uno.

***

Ariva er giorno, che nun è distante,

che nun te crederà mai più nisuno,

pure ch’hai detto verità lampante.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Ottobre 2020

Er novo ordine mondiale

Er novo ordine mondiale

***

Nun ce sò solo li negazzionisti,

ce stanno quelli co minor fortuna,

che l’omo nun c’è ito su la Luna,

e ce sò sempre li terapiattisti.

***

Ma ora stanno a sorge a una a una

tante artre idiozzie da complottisti,

che dicheno ch’er monno è in mano a tristi

e strani perzonaggi che nisuna …

***

… potenza è lor più forte e più speciale,

che vonno commannà tutta la tera

pe un novo loro ordine globbale.

***

Che serva a compenzà ‘sta nova schiera

er loro ber disordine mentale,

che nun conosce fine, né bandiera ?!?

***

Stefano Agostino

__________________________

***