Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Novembre 2022

Tempo matto

Tempo matto

***

Cor tempo nun ce se capisce gnente:

du’ giorni fa sembrava guasi agosto,

la gente ar mare e pelle ar girarosto,

oggi c’è freddo che fa batte er dente.

***

Che je sarà successo a ’sto ber posto?

Cor celo a cambià, intermittente,

er fisico de certo l’arisente,

a seguità ’sto ritmo se fa tosto.

***

Un giorno vai in giro co l’ombrello,

la sciarpa attorno ar collo e cor cappotto,

er successivo è da pala e secchiello.

***

Conviè portasse già er costume sotto,

ché si nevica mó, tra un po’ fa bello,

da caricà li sci, ’nzieme ar canotto.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 Ottobre 2022

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

***

Fantasmi, mostri, zucche e facce vote,

nun è er Parlamento, è “Halloween”,

la festa ’nd’arisona er din din din,

de chi ner “sol-do” cià più de du’ note.

 ***

Perché ar giorno d’oggi è un po’ più “in”,

lo scimmiottà le feste d’artra dote,

pure le sceme pe nun dì idiote,

che importamo senza fà er “check-in”.

 ***

Vampiri, pipistrelli e fattucchiere,

co l’arancione e er nero pe tintura,

tra maschere de streghe e de dentiere.

 ***

E ce sta pure chi, pe sua natura,

arisparmianno trucco e parucchiere,

basta ch’esce così, già fa paura!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

29 Ottobre 2022

Ora solare

Ora solare

***

Quanno ritorna un dì l’ora solare,

è come fregà er tempo a l’orologgio,

un freno a mano ar monno, dà l’appoggio

si vòi dormì deppiù, armeno pare.

***

E nun c’è arbergo, residenza, alloggio,

mejo de casa, tra perzone care,

’ndó pòi scallatte l’ossa com’ar mare,

disteso, senza l’obbrigo de sloggio.

***

Ripenzi a ieri, a come hai fatto mai,

a vive tutto er giorno un’ora avanti,

manco si fussi ar fuso de le “Hawaii”.

***

E mentre te la soni e te la canti,

ma le risposte esatte nun le sai,

hai perzo un’ora … e lassa stà li santi.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Ottobre 2022

Er torcicollo

Er torcicollo

***

Ammazza che gran palla er torcicollo!

Un cόrpo d’aria, ’na quar fesseria,

ma so sortanto che, quanno me pìa,

me ’mpala coma fa l’omo in ammollo.

***

Cercanno un modo pe mannallo via,

me movo come che se move un pollo,

de lato, dritto, avanti, indietro e crollo,

me sembro ’na stampella in tintoria.

***

Avoja a massaggià anche co lena,

so’ fermo qui, immobbile da ore,

che manco un carcerato a la catena.

***

“Cervicobrachialgia”, dice er dottore,

co un sorisetto che pare ’na jena,

come si a dì così passi er dolore.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Ottobre 2022

Fa callo come a giugno

Fa callo come a giugno

***

Du’ mesi guasi e ariverà Natale,

sbrilluccica qua e là quarche vetrina,

ma er tempo è ancora a “jeans” e majettina,

più o meno come a giugno, tal’e quale.

***

E come ch’ho sentito stammatina,

der clima ch’è ammattito e gira male,

è p’er riscallamento ch’è globbale,

che a effetto serra l’atmosfera sbrina.

***

Tutt’er creato inzomma nun sta bene,

pe corpa de quell’animale immonno,

ch’è l’omo che je sta a succhià le vene.

***

Fin quanno ‘sto pianeta, tónno tónno,

 pe quanto cià le palle gonfie e piene,

 elimina er probbrema in un seconno!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Ottobre 2022

Er nato stanco

Er nato stanco

***

“So’ stanco, so’ stremato, so’ distrutto,

sto senza forze, io sto sotto a un treno”,

te sento dì ‘gni vorta e, senza freno,

vai avanti co ‘sta pippa e ‘sto costrutto.

***

“So’ demolito, so’ acciaccato in pieno,

sfinito come un torzolo de frutto”,

nun l’hai capito ancora, e quest’è er brutto,

che a me nun me ne pò fregà de meno!

***

Ce credo poco a la stanchezza eterna,

credo de più a che sei nato stanco

e che qualunque cosa te squinterna.

***

Te stanchi pure a fà un quarto de metro,

me chiedo e la risposta lasso in bianco,

che j’aricconterai un dì a San Pietro?

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

17 Ottobre 2022

‘Sta giostra

‘Sta giostra

***

Che famo? Qui quarcuno se lo chiede.

A seguità ’sto ritmo e ’sta magnera,

quanno er più santo è avanzo de galera,

che inzegna ar fìo a diventaje erede?

***

Paggine intere de cronaca nera,

atrocità ch’è mejo soprassede,

vergogne, che a stento ce se crede,

infamità che nun ciànno bandiera.

***

Che fine sta a fà ’sta Tera nostra,

in mano a l’omo, re de le Nazzioni,

cor campionario de l’orori in mostra.

***

Fin quanno un giorno spigne du’ bottoni,

e spegne tutto er Capo de ’sta giostra,

che prima o poi se rompe li cojoni !!!

***

Stefano Agostino

_____________________

***