Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

26 Giugno 2019

26 giugno … er mezzo anno in più

 

**

26 giugno … er mezzo anno in più

***

Er ventisei de giugno è er giorno esatto,

in cui carico un “mezzo” in più a l’anno,

intenno dì er mezzo compreanno,

dar ventisei dicembre che m’ha estratto.

***

Nun è pe festeggià che io ce rimanno,

ma è pe conteggio che rimarco er fatto,

co ‘sto semestre in più … e un artro scatto

de vita che me passa via cantanno.

***

Me serve tené in conto de ‘sta data,

pe analizzà un po’ mejo l’anno in corzo,

si quarche cosa a oggi l’ho anellata.

***

È un modo mio pe arimedià a soccorzo

e raddrizzà la via si s’è piegata,

ciò artri sei mesi de ‘st’età ch’è un morzo.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Giugno 2019

Estate 2019

Estate 2019

***

Novembre s’è aripresentato a maggio,

co quele pioggie miste ar freddo, a intrujo,

e invece giugno pare uguale a lujo,

da fà vedé le nuvole a miraggio.

***

Si nun tardava a maggio a fasse buio,

c’era de certo un quarche depistaggio,

co quer tempo d’autunno de passaggio,

in mezzo a un calennario in gran subbujo.

***

Se sta a occupà ‘sto giugno de fà estate,

quanno c’era da stà in Primavera,

ch’è stata inverno pe tante giornate.

***

Chissà come sarà ‘st’estate vera,

che oggi apre er sipario a le sue date,

ve l’auguro sia ‘gnuno come spera.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Giugno 2019

Er riposo der gueriero

Er riposo der gueriero

***

Riposo der gueriero de forchetta,

che fino a poco fa come magnava,

manco ’na tigre a l’isola de Giava,

fin’a lustrasse er piatto de scarpetta.

 ***

È steso lì, dar trono che occupava,

’sto Re de “Cacioepepe” e de “Porchetta”,

che dopo la magnata prediletta,

s’accascia e se sletarga a fà la bava.

 ***

Stennese a letto, che hai finito er piatto,

a guardà bene, nun è mica strano,

nun è ’sto magnaccione a èsse matto.

 ***

È er campà d’oggi che nun è più sano,

ce porta sempre a córe, e questo è er fatto,

chi riesce a appennicasse è già marziano.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Er riposo der gueriero

***

******

I sonetti romani,Romanamente

13 Giugno 2019

Li segni zodiacali

Li segni zodiacali

***

Er fatto che so’ nato Capricorno,

io l’ho scoperto tanto tempo dopo,

ner senzo che nun m’ha mai fatto d’uopo

interessamme ar segno de quer giorno.

 ***

Nun vojo fà come fa er gatto ar topo,

che nun lo magna, ma je gira attorno,

arivo ar dunque, pe cui me ce scorno:

l’oroscopo, pe me, nun cià ’no scopo!

 ***

Che cambia Acquario, Vergine o Leone,

Gemelli, Cancro, Pesci o Saggittario,

Bilancia, Ariete, Toro o, ar più, Scorpione?

 ***

È solo un modo e manco così vario,

che più che dì er futuro in previsione,

serve a li maghi pe sbancà er lunario.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Giugno 2019

Nun ce faccio er “callo”

Nun ce faccio er “callo”

***

Quanno che ariva er callo più africano,

ch’er cèlo stigne er colorito in giallo,

er sole pare sprenne pe inondallo,

der suo calore tipico sahariano.

***

Co l’afa che nun dà mai un intervallo

e fa sudà che tutto pare vano,

le forze, pure quanno se va piano,

ce lassano ché ciànno troppo callo.

***

Ma si apri bocca e solo te lamenti,

de quant’è arta la temperatura,

ariva sempre chi batte li denti …

***

… pure quanno che strigne la calura,

che dice: “adoro er callo” e, armeno a intenti,

j’ammolli un carcio sotto la cintura.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

10 Giugno 2019

Domanna de ‘gni lunedì matina

Domanna de ‘gni lunedì matina

***

Quanno me svejo er lunedì matina,

me sàrta sempre in mente ‘sta domanna,

ma er fine settimana a noi ce inganna?

Ch’è così lento che mai s’avvicina …

***

… ma poi ce mette un attimo ce accanna,

nun ce dà er tempo de staccà la spina,

che già arisona la sveja aguzzina,

è lunedì de novo che comanna.

***

Nun pò durà davero pe du’ giorni,

ce frega a tutti er fine settimana,

er tempo de arivà e già te scorni …

***

… cor lunedì che oggi te se spana,

e già sei lì che attenni che aritorni,

ma viè da la galassia più lontana.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 Maggio 2019

Cambià la posizzione a ‘na parola …

Cambià la posizzione a ‘na parola

***

Cambià la posizzione a ‘na parola,

seconno de la frase e der contesto,

a vorte farza er senzo a tutto er resto,

e dico ‘na parola, una sola.

***

Stravorge er contenuto ortre ch’er testo,

come sonà “Chopin” a ‘na pianola,

come dipigne er rosso e fàllo viola,

  come dì SI’ o NO, invertenno er gesto.

***

Si vòi ‘na prova, te la do, si posso,

che nun sto a dì frescaccia da disprezzo,

ma cosa da segnà a bollino rosso.

***

Basta invertì ‘na frase in fonno o ar mezzo:

un conto è dì a quarcuno “pezzo grosso”,

un artro è dije invece  “grosso pezzo…”

***

Stefano Agostino

______________________

***