Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

30 Marzo 2019

Ora legale

Ora legale

***

Te spiego che vor dì l’ora legale:

’gni anno ariva er tempo e tocca fàllo,

e nun se sa perché, arimane un giallo,

quann’aritorna, tutti l’anni è uguale.

 ***

Ché ’gni orologgio c’è d’arispostallo

un’ora avanti, pure che va male,

ma s’ha da fà così, dice, è ufficiale,

quanno s’allunga er giorno e fa più càllo.

 ***

A l’urtima domenica de marzo,

se sposta tutt’er tempo un’ora avanti,

da la sveja, ar cuccù, inzino ar quarzo.

 ***

È un’ora, ma cià effetti devastanti,

ché quann’è lunedì, prima che m’arzo,

me so’ arivorto già a un paro de santi.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Ora legale

***

******

I sonetti romani,Romanamente

28 Marzo 2019

Er codice fiscale

Er codice fiscale

***

Appena nati, dar primo vaggito,

ciavemo tutti un codice fiscale,

ch’è solo nostro, guasi naturale,

come er DNA che cià scorpito.

***

‘Na serie arfa-nummerica speciale

che “zippa” er nome com’è definito,

la nascita seconno ‘no spartito,

chiude la sigla, la città natale.

***

Quinni de GST  SFN

(e er resto che nun scrivo, è inopportuno),

quello che conta e quello che me prenne …

***

… più de ‘gni artra cosa, sarvognuno,

è avé pe sigla, ‘sta città perenne,

che poi è H 501.

***

Stefano Agostino

_____________________________________

I sonetti romani,Romanamente

27 Marzo 2019

‘Na tore de Babbele

‘Na tore de Babbele

***

A vorte ho come guasi l’impressione

de vive come dentro a ‘na Babbele,

tutti parlamo, più de radio e tele,

‘gnuno co la sua idea, la sua oppignone …

***

… che come ne la Tore a Israele,

nun c’è ‘na lingua sola a fà nazzione,

nun se capimo e in piena confusione,

restamo in arto mare, senza vele.

***

È brutto nun capisse più pe gnente

è vero: “viva er libbero penziero”,

ma che me serve, si in mezzo a la gente …

***

… me faccio intenne, da uno a dieci, zero,

e sto a convince me, no chi me sente,

che quer ch’io vedo bianco, vede nero.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Marzo 2019

Nun ciài artro da fà

Nun ciài artro da fà

***

Nun ciài da fà gnent’artro de forzato,

né èsse er più perfetto o er più speciale,

quarcosa tra er più assurdo o innaturale,

in cui nessuno s’è mai cimentato.

***

Nun ciài da èsse fico o eccezzionale,

o fà quer che mai uno l’ha provato,

da diventà chissà quale scènziato,

che va a scoprì lo spazzio siderale.

***

Nun serve da fà er mago, né l’attore,

né millantà chissà quale possesso

o maschere da omo de valore.

***

Nun conta de contà o chiede permesso,

ma si vòi vince e conquistà l’Amore,

nun ciài artro da fà, ch’èsse te stesso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 Marzo 2019

Solo pe finta

Solo pe finta

***

Vorei morì, così, solo pe finta,

pe stà a vedé chi piagne pe davero,

no solamente un giorno, ar cimitero,

e co ‘na lagrimuccia ch’è dipinta.

***

Sarebbe pe testà quello sincero,

e chi fa tutto invece senza spinta,

come pe recità, dietro a ‘na quinta,

de un teatro ‘ndove er bianco è nero.

***

“Te l’aricordì Stefano Agostino?”

Vorei sentì risposte e, dar compianto,

scoprì chi è vero e chi più manichino.

***

Pe risvejamme poi, come de ‘ncanto,

l’attimo prima che già viè er becchino,

pe dì: “adesso so chi me sta accanto”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Marzo 2019

Er gaggio

er gaggio

Er gaggio

 *********

‘Gni giorno indossa un abbito diverzo,

sempre preciso, in tiro e sta acchittato,

giacca, cravatta e bavero riarzato,

nun cià un capello che va pe traverzo.

***

 Ar pantalone l’orlo arisvortato

 e l’orologgio sopra ar porzo inverzo,

er pedalino in tinta, addentro perzo,

a scarpe de un perfetto lucidato.

***

Er dopobarba pe lassà la scia,

misto ar profumo de un campo de maggio,

che pare uscito da ‘na tintoria.

***

“Si nun m’acchitto” – dice – “sto a disaggio”

ma è ‘na scusa, pe nun dì bucia,

ché ce lo sanno tutti quant’è gaggio.

******

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Marzo 2019

E torna sempre …

E torna sempre …

***

E torna sempre, torna e torna ancora,

pe quanto pòi fà tutto pe evitallo,

er lunedì, ma che mistero e giallo…

è un “boomerang” lanciato a cento all’ora …

***

… da sette giorni prima e fàcce er callo,

fa er giro suo, e ‘ndove va se ignora,

ma quanno penzi … è ito … è giusto allora

che torna ar canto stridulo der gallo.

***

Ché t’eri abbituato pe du’ giorni

a arimané più tempo indentr’ar letto,

pacioso e callo, come tra du’ forni.

***

Ma sempre t’arisveja, maledetto,

quer trillo che ‘gni vorta te ce scorni,

la sveja … è lunedì … casco e ermetto!

***

Stefano Agostino

________________________

***