Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

4 Giugno 2022

Er fine settimana

Er fine settimana

***

Granne invenzione er fine settimana!

Er lunedì te pare più un miraggio,

er martedì, procura der disaggio,

mercoledì lo senti a la lontana.

***

Er giovedì, te ne vò dà un assaggio,

ma è solo er venerdì che te lo spiana,

pe richiamà l’arte leopardiana,

der sabbato famoso der villaggio.

***

Un attimo de più, e mó è domenica,

ch’er sabbato la notte se l’inghiotte,

come fusse pe ’na finzione scenica …

***

… nemmanco er tempo de capì ch’è notte,

ariva lunedì che già t’arsenica,

ma tanto tutto er monno se ne fotte.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

1 Giugno 2022

Er due giugno

Er due giugno

***

Festa de la Repubblica italiana,

co tanto de parata militare,

da li Fori Imperiali ar granne artare,

che sta in Piazza Venezzia, nun lontana.

***

Poi voleno da Pratica de Mare,

le frecce tricolori e ’na fiumana

de gente, tutta a naso in su, che sgrana

l’occhi ner rombo de virate rare.

**+

E tutti quanti in fila, pe reparto,

davanti ar pizzo ’ndó c’è er Presidente,

sfileno li sordati, sguardo in arto.

***

Viè da penzà co ’ste forze de tera,

de mare e d’aria e ’gni arma più potente,

com’è che avemo perzo noi la guera?

**+

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

19 Maggio 2022

Er destino

Er destino

***

Nun sempre tutto va come che speri,

seconno er piano che te sei acchittato,

pe quanto te ce pòi èsse sforzato,

sò tosti d’attuà li desideri.

***

Ma importante è avecce poi provato,

a tramutà in reali li voleri,

senza avé perzo tempo fino a ieri,

che l’oggi, ner frattanto, è già passato.

***

E nun t’abbatte pe un sogno che cade,

vòr dì che quello nun era er cammino,

fatto pe te che cià cent’artre strade.

***

Riarzete, ce sta un artro matino,

pìa quer che viè, così come che accade,

da oggi stesso cambierà er destino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

14 Maggio 2022

L’UFO su Roma

L’UFO su Roma

***

Mó pare che l’alieni se sò accorti,

de ’sto pianeta battezzato Tera,

e sò venuti a véde sì com’era,

fasse un’idea si semo vivi o morti.

***

E ovviamente de tutta la Sfera,

l’estra-terestri se saranno sporti,

a guardà Roma, arimanenno assorti,

ne l’ammiralla fino a tarda sera.

***

Diranno che in tutto l’Univerzo,

nun c’è ’na cosa che sia tal’e quale,

a ’sta città e ’sto ber celo térzo.

***

E ne l’immenzo spazzio siderale,

co l’astronave che fa rotta verzo,

diranno ar Cosmo: ROMA È CELESTIALE.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

12 Maggio 2022

Le cacche de li cani

Le cacche de li cani

***

A Roma spesso, quanno è buio in via,

pòi acciaccà ’na cacca de li cani,

che ’nzacchera le sòle ’ndó ce frani,

poi guai a chi te sente … mammia mia.

***

Voresti èsse accalappiacani,

così je fai passà la fantasia,

de fà ’sti ricamini co la scia

e d’accorà de puzza li romani.

***

Ma nun t’avvelenà co l’animali,

a cui nun pòi pretenne dà lezzioni,

de pulizzia e bisogni naturali.

***

E strilla invece a tutti li padroni,

de cani che hanno scerto posti e pali,

pe coloraralli gialli o più maroni.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Maggio 2022

Er lavativo

Er lavativo

***

Er lunedì, nun vado, sto in permesso,

er martedì, riunione sindacale,

mercoledì, congedo parentale,

er giovedì nun posso, ché me stresso.

***

Er venerdì ciandrebbe, ma fa male,

annacce un giorno solo – e che so’ fesso? –

così che allungo – e me sarà concesso –

er fine settimana naturale.

***

E dopo un anno lungo de lavoro,

prenno le ferie a chiude la staggione,

si nun sto in malatia, ché guasi moro.

***

Mó esco, vado in pausa colazzione,

torno pe pranzo e dopo m’aristoro,

penzanno a quanno che annerò in penzione!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Maggio 2022

La password

La password

***

La password: ma che granne invenzione!

Serve a protegge li dispositivi,

da l’occhi più indiscreti e più cattivi,

de chi nun cià mai ‘na bona intenzione.

***

Ma c’è da èsse più che creativi,

ne l’inventà ‘na password co attenzione,

che nun se sgami subbito, raggione

pe cui se cercan segni interpuntivi.

***

O nomi assurdi eppoi punteggiatura,

pe fà la password sempre più cifrata,

e rènne a l’hacker la vita più dura.

***

Solo che poi pe fàlla compricata,

la password mia che era più sicura,

quann’è ar dunque me la so’ scordata.

***

Stefano Agostino

_____________________

***