Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

22 Gennaio 2019

Le zampe sotto ar tavolino

Le zampe sotto ar tavolino

***

Mette le zampe in sott’ar tavolino,

rimane sempre un granne privileggio,

si è pe magnà, sinnò ‘sto tono egreggio

se ne va a fasse frigge e viè er burino. 

***

Ché séde pe magnà è un atto de preggio

e j’annerebbe fatto un bell’inchino,

er culo su la sedia a manichino,

senza pietanze, è più ‘no spreco a sfreggio. 

***

Appena che me seggo già se sblocca

lo stommico che s’apre pe mestiere,

a faje l’eco l’acquolina in bocca.

***

Er tempo de guardà piatto e bicchiere,

che subbito è già tardi, l’ora scocca,

che se materializzi er cammeriere.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Gennaio 2019

Quanto le volemo fà campà?

quanto le volemo fà campà

Quanto le volemo fà campà?

***

Semo arivati guasi ar Carnevale,

frappe, coriannoli, stelle filanti,

quant’hanno da durà pe noi passanti

‘ste luci e luminarie de Natale?

***

Che ce lo so, sò simboli festanti

e a illuminà le strade nun è male,

ma ancora accese oggi a che vale

sinnò a fà gongolà li negozzianti?

***

‘Gni cosa ar tempo suo e a la sua ora

conzerva un senzo e ‘na tradizzione,

si se vò mantenella ancora e ancora.

***

Ché co ‘sta scusa e senza ‘na raggione,

se rischia de passà la Cannelora 

e tirà avanti fino a l’ombrellone.

****

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Gennaio 2019

Er lamentoso

er lamentoso

Er lamentoso

***

Da quanno ch’eri in fasce te lamenti,

ma mentre si s’è pupi tutto vale,

mó che sei granne e grosso, ma è normale

che ancora ciài l’istessi atteggiamenti?

***

E nun ce sta ‘na vorta, eccezzionale,

lo dico a te, hai visto mai ce senti,

in cui nun frigni e sbraiti e te tormenti,

pe quarche cosa che t’è ita male.

***

Così ‘gni giorno co ‘sta cantilena,

succede tutto a te, come ‘na conta,

che tocca sempre a te sartà la cena.

***

Ma, penza, nun c’è giorno che tramonta,

che nun dispenza a tutti quarche pena

e vince chi nun piagne, ma l’affronta.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2019

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****

I sonetti romani,Romanamente

11 Gennaio 2019

11 gennaio

11 gennaio

***

L’unnici de gennaio è un giorno trino,

ner senzo che c’è un uno e s’aripete,

pe ben tre vorte, come dice er prete,

quanno ha a che fà ‘gnisempre cor divino.

***

Ma er primo mai co l’Artro pò compete,

anzi simmai je deve fà un inchino,

ché questo è solo un gioco un po’ bambino

pe mette in rima un giorno e cose liete.

***

È er giorno che qui a Roma ha fatto storia

co Cesare che passa er Rubbicone,

un dado tratto da mannà in memoria.

***

Se usa ancora oggi ‘st’espressione

che vole dì anticipo de gloria,

ner prenne un’importante decisione.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Gennaio 2019

La prima decade de l’anno

La prima decade de l’anno

***

Oggi la prima decade de l’anno,

ce ne sò in tutto sempre 36,

più 5 giorni, co ‘gni tanto sei,

se fissa co l’ormeggi ner suo scranno.

***

Solo un’anticchia, priva de trofei,

de l’anno novo, ancora senza affanno,

cor senzo vivo e fresco de rimanno 

a le festività de giorni rei …

***

… de cede er posto ar generale inverno

che fin’a Pasqua lassa senza sieste,

quer calennario che vale a l’esterno.

***

Perché c’è quello de le nostre teste,

che già se sta a segnà tutt’er quaderno,

de ponti, ferie, pause, gite e feste.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2019

Er freddo a Roma

Er freddo a Roma

***

Er freddo a Roma è ummido e se sente,

fin dentro l’ossa pe scrocchialle ognuna,

e pe rabbrividille e le raduna,

in un concerto tremulo de gente.

***

Ché vive a Roma è sempre ‘na fortuna,

su questo nun ce piove veramente,

ma quann’è freddo qui gela pungente,

ner mentre artrove manco te ‘mportuna.

***

Quanno che a Roma la temperatura,

ner sueggiù se ferma intorno a zero,

tarmente c’è l’ummidità che attura …

***

… che pare de stà dentro a un frigo vero,

a congelà p’er tempo che perdura

tutt’er trimestre de l’inverno intero.

***

Stefano Agostino

________________________

***