Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

20 Agosto 2019

Come annerà?

Come annerà?

***

Chissà come annerà ar Parlamento,

intenno la fiducia p’er sor Conte,

novi scenari … o vecchi … a l’orizzonte,

 co alleanze pe ‘gni schieramento …

***

… si poi ‘ste forze che già stanno pronte,

a inciucià pe poi sfruttà er momento,

nun perde la portrona, er vero intento,

a annà a vedé er motivo ch’è la fonte …

***

… ammascherata da li bei discorzi,

su l’italiani e er bene der Paese,

come in ‘gni storia de corzi e ricorzi …

***

… ner mentre de ‘sta gente e der suo annazzo,

si ariverà ar dunque a fine mese,

nun je ne frega certo manco un c…. !!!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Agosto 2019

Discute de politica

Discute de politica

***

Discute de politica è esercizzio

che manca de un’utilità sociale,

ché ‘gnuno cià un’idea che resta uguale,

fin a la fine com’era a l’inizzio.

***

E ce se scalla, mentre er tono sale,

e chi ciavrà raggione, Caio o Tizzio?

Pe uno er primo è senza macchia e vizzio,

pe l’artro è l’artro l’unico che vale.

***

Ma tanto ‘gnuno resta de l’idea

e nun la cambia pe ‘na discussione,

peggio si accesa, come che se crea.

***

Ce se ne accorge, ma è un vero peccato,

quanno ch’è tardi e dici: “Che cojone!

Mannaggia a me e ar tempo ch’ho sprecato”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Agosto 2019

A un amico innammorato

A un amico innammorato

***

Penzavi nun potesse più succede,

che aribbatteva in petto quer rumore,

quello che sempre serve a scallà er còre,

che te lo chiedi e nun lo riesci a crede.

***

Che nun pòi definì de certo amore,

ma è un quarche cosa che, chi te lo chiede,

l’ha già capito solo che te vede,

e che vorebbe vive cor tuo ardore.

***

E invece se presenta un’occasione,

che nun lo sai er perché, ma è li davanti,

come la guardi già te viè er fiatone.

***

E t’aritrovi che fischietti e canti,

in mezzo a un coro intero de perzone,

che pareno anni luce più distanti.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

13 Agosto 2019

Come stai?

Come stai?

***

Me chiedo e m’arisponno guasi apposta,

(nun so si pure a te capita mai)

quanno quarcuno chiede: “Come stai?”,

si poi je frega tanto la risposta.

***

Ce stanno quelli, e penzo ce lo sai,

che a chiedelo lo fanno pe proposta,

pe fasse poi arisponne: “E tu?” e te costa

de stà a sentì li loro impicci e guai.

***

C’è chi lo chiede solo pe pro-forma,

ma sta a penzà che cià le palle piene,

de te e de tutto quer che te conforma.

***

Quarcuno, da magnacce pranzi e cene,

lo chiede veramente e si se ‘nforma,

lo vò sapé perché te vole bene.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Agosto 2019

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

È er dieci agosto, er dì de San Lorenzo,

quanno che annotta e er cèlo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto, nero notte, intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià er sangue a tutti a gocce, a gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Agosto 2019

La crisi der Governo gialloverde

La crisi der Governo gialloverde

***

Che scricchiolava, e pure de parecchio,

e no da mó, ma da svariati mesi,

co liti, battibbecchi e malintesi,

fra l’uno e l’artro a guardasse a specchio …

***

… è cosa nota che nun cià sorpresi,

ma che finisse oggi indentr’ar secchio,

armeno questo pare a prestà orecchio,

ce lassa tutti quanti ar centro appesi.

***

Sarvini, da ministro de l’interno,

ce dice che ce vonno l’elezzioni,

aprenno qua la crisi de governo …

***

… der cambiamento … armeno a intenzioni,

che cambia appunto già dar novo inverno,

ner mentre c’è er Paese in ginocchioni.

***

Stefano Agostino

__________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

8 Agosto 2019

Caronte ar fronte

Caronte ar fronte

***

Ce se prospetta ‘st’artro anticiclone,

che poi è un ritorno a riguardà la fonte,

sta pronto a traghettacce er sor “Caronte”,

indentr’ar forno cotti sur carbone.

***

E già ar sentore solo a l’orizzonte,

de l’AFA da boccheggio ciò er magone,

vabbè, lo so, se sa, … dice è staggione,

ma a l’idea me ‘nfracico la fronte.

***

Manco je posso dì: “Non ti crucciare,

vuolsì così colà dove si puote,

ciò che si vuole e più non dimandare” …

***

… Ché qui nun c’è un Virgilio a fà da perno,

ce sò in compenzo le “dolenti note”,

che sta a arivà un anticipo de Inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***