Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 17, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

17 febbraio 2018

Udinese – Roma

Udinese – Roma: 0-2

***

Se torna a vince bene, finarmente,

su un campo assai temibbile davero,

la Roma batte Udine due a zero,

e resta in zona Champions pienamente.

***

Er primo go’ de Under, sorprennente

che pare sia già un talento vero,

sbocciato come un fiore e, armeno spero,

venga impiegato più de artra gente.

***

Er due a chiude er conto è de Perotti,

pe ‘na vittoria che vor dì parecchio,

la terza poi de fila senza ‘nzotti.

***

Annamo avanti adesso come a specchio

pe dà continuità e nun ce se scotti,

e a ‘ste parole dateje un orecchio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Trilussa – Er marito filosofo

Er marito filosofo

***

Se pò sapé che diavolo j’ho fatto?

Fra mi’ moje, mi’ socera e mi’ fija,

ciò contro tutta quanta la famija,

fórze ce l’ha co me perfino er gatto.

***

Si a cena, Dio ne guardi, faccio l’atto

de protestà, succede un parapija,

come me movo, vola ‘na bottija,

appena ch’apro bocca, vola un piatto.

***

Poi, tutt’e tre d’accordo vanno via,

allora resto solo e piano piano,

scópo li cocci e faccio pulizzia.

***

Finché arivato a l’urtimo pezzetto,

m’accènno mezzo sigaro toscano,

strillo: Viva l’Italia … e vado a letto.

***

Trilussa

__________________________

***