Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for febbraio 21st, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

21 febbraio 2018

Shakhtar D. – Roma

Shakhtar D. – Roma: 2-1

***

Sconfitta pe due a uno, dice tutto,

ma lassa cor discorzo ancora aperto,

un go’ in trasferta è bono, questo è certo,

ma intanto t’eri messo già a l’asciutto …

***

… cor go’ de Under, ch’è un ber talento scerto,

poi ner seconno tempo ariva er brutto,

du’ go’ de questi che ciànno distrutto

quer che fin a quer punto era un concerto.

***

Nun è finita qua, ce sta er ritorno,

de certo è compricato, ma se prova

a ribbartà er punteggio e faje storno.

***

E in de ‘st’attesa pe ‘sta cosa nova

e de la gara a Roma pe quer giorno,

che ‘gnuno lì dia er mejo che se trova.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

La memoria der pesciolino rosso

La memoria der pesciolino rosso

***

Se dice ce sia er pesciolino rosso

co ‘na memoria, la più corta ar monno,

cancella tutto come un gran ber sonno,

quer ch’è successo e che j’è ito addosso.

***

Ar massimo aricorda, e manco a fonno,

ciò ch’è accaduto, de piccolo e grosso,

indentro a quer suo acquario, carmo o mosso,

ne l’urtime frazzioni de seconno.

***

Ma se pò dì che la stessa memoria

ce l’hanno in tanti de italiani adesso,

se sò scordati de la nostra storia.

***

Sò pronti a ridà er voto pari e istesso

a chi ha arubbato tutto e a daje gloria,

invece de buttallo in fonno ar cesso.

***

Stefano Agostino

____________________________

***