Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 28, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

28 febbraio 2018

28 febbraio

28 febbraio

***

L’urtimo dì, er ventotto, de febbraio,

ché l’anno bisestile è un’eccezzione,

fa de ’sto mese, in tutt’er carozzone,

er più nanetto e breve a passà ar vajo.

***

Febbraio me dà come l’impressione

de cercà spazzio fra Marzo e Gennaio,

come fosse finito lì pe sbajo,

chiedenno scusa pe l’intromissione.

 ***

Così che ce arigala er Carnevale,

guasi si fosse stesso lui ’no scherzo,

che dura poco e nun ce pò fà male.

 ***

“Ventotto ce n’è uno”, dice er verzo,

anche pe questo è er mese più speciale:

ché fa svortà l’inverno a servosterzo.

***

Stefano Agostino

___________________________

***