Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for marzo 2nd, 2018

I sonetti romani,Romanamente

2 marzo 2018

Nun è che te succede un quarche danno

Nun è che te succede un quarche danno

***

Nun è che te succede un quarche danno,

a comportatte bene e a èsse onesto,

vorebbe ditte, in fonno, solo questo,

senza qui fatte pià nessun affanno.

***

A rispettà le regole, der resto,

nun t’arovina, né te dà malanno

e pure che sò pochi, ma ce stanno,

quelli che ponno comprovà ’sto testo.

***

Ma oggi, a èsse onesti, pare brutto:

si nun arubbi o nun frodi la legge,

che campi a fà? Vai solo che distrutto.

***

Se preferisce più seguì quer gregge

de chi sa già d’avé capito tutto

e mó se la sta a ride si me legge.

***

Stefano Agostino

_______________________

***