Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for marzo 9th, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

9 marzo 2018

Roma – Torino

Roma – Torino: 3-0

***

La Roma vince ancora e pe tre a zero,

anche si co l’inizzio un po’ sofferto,

ma un punto pe ‘gni go’ e questo è certo,

fa già dimenticà quer tocco nero.

***

Pe primo Manolas, che poi ha scerto

de dedicà a Astori er suo penziero,

poi er due co De Rossi condottiero

er tre de Pellegrini ner deserto.

***

La Roma resta quinni ar terzo posto,

e tiè a distanza giusta pure er quinto,

cosa che poi ha da fà a quarziasi costo.

***

Ora c’è da tené er pedale spinto

e continuà ‘sta strada pur ch’è tosto,

ma quant’è bello tutto quanno hai vinto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Roma bucata

Roma bucata

***

Nun la vojo difenne a spada tratta,

ma manco posso sopportà e stà zitto

l’attacco che subbisce fitto fitto,

la sindaca pe ‘gni pozza siffatta.

***

Si a Roma ormai, quale che sia er traggitto,

girà vor dì sartà de buca in fratta,

l’asfarto ch’è scocciato e che se ‘mbratta,

nun è solo pe un Campidojo sfitto.

***

Armeno pe onestà qui andrebbe detto

che gelo e pioggia e manto assai scadente

fanno un ber mix che stà a portà a ‘st’effetto.

***

De certo c’è quarcuno incompetente,

ma si le casse a Roma sò a lo stretto,

la Raggi nun pò fà che poco o gnente.

***

Stefano Agostino

______________________________

***