Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for marzo 22nd, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

22 marzo 2018

Er matto

Er matto

***

Er matto è matto lui o chi lo crede?

Chi è che se pò dì sano de mente?

Ch’abbasta unì ‘ste due e viè demente

e er matto ar sano poi come lo vede?

***

Chi è che sa de nun avecce gnente

tra fisime o manie e nun eccede

in quarche sua stranezza e nun s’avvede

de quanto pò sembrà ch’è un deficiente?

***

Er fatto è ch’er concetto de equilibbrio

de testa e de raggione è soggettivo,

nun c’è misura certa de squilibbrio.

***

E pure quanno, caso indicativo,

c’è un matto che dà pubblico ludibbrio,

pò èsse che stia a recità dar vivo!

***

Stefano Agostino

_________________________

***