Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 26, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

26 marzo 2018

A Fabrizio Frizzi

A Fabrizio Frizzi

***

Stavorta salutamo un perzonaggio,

co ‘na tristezza forte indentr’ar còre,

se n’è ito Lassù un gran signore,

a cui nun resta che augurà bon viaggio.

***

De lui ce rimarà com’er sapore,

de uno de famija e d’omo saggio,

che co umirtà e un soriso da miraggio

oggi fa piagne anch’er televisore.

***

‘Na lacrima che scenne e taja e ustiona

er viso mentre l’occhi guasi strizzi,

ner vòto che ce lassa e che arintrona.

***

Rimasto come ar tempo de l’inizzi

se ne va via ‘na gran bella perzona,

… GRAZZIE speciale a te, Fabrizio Frizzi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Ar ritorno de l’ora legale

Ar ritorno de l’ora legale

***

Quanno che torna l’ora ch’è legale,

prima impressione che fa da contorno,

è quanto riesce a stiracchiasse er giorno

pe un’ora sola avanti, è micidiale.

***

La notte pare nun se veda attorno,

e prima che la luce naturale,

dia er posto a un lampione o a un fanale

c’è tempo che de pomeriggio è adorno.

***

Ar punto che nun sai quanno ch’è sera,

cor cèlo che ‘ncrepuscola sur tardi,

a pennellà a colori Primavera.

***

Le stelle che allontaneno li sguardi

de chi le vò cercà ma in fonno spera

ch’er Sole a ‘gni tramonto ce s’attardi.

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***