Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo 29th, 2018

I sonetti romani,Romanamente

29 Marzo 2018

Arzasse dar letto

arzasse dar letto

Arzasse dar letto

*** 

Ce sò le vorte che arzasse dar letto

è autolesionismo volontario,

è un gesto assurdo, anti-umanitario,

innaturale, becero, reietto.

 ***

È un atto da respigne, ch’è contrario

a un qualunque senzo de rispetto,

è un modo vile, inzurso, er più scoretto

de comincià ‘gni giorno in calennario.

 ***

Ché pur de arimanè sotto a le pezze

sarebbe pronto già a staccà un assegno,

 a cede proprietà, sordi e ricchezze.

***

Ma nun so’ re e nun ciò certo un regno,

né mai potrò raggiunge tali artezze,

perciò me tocca arzamme e pagà pegno.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Lavanna de li piedi

La Lavanna de li piedi

***

Finito de cenà, a l’urtima cena,

Gesù verzò de l’acqua ner catino,

l’asciugatoio cinto sur bacino,

poi se piegò, chinanno assai la schiena …

***

… e a li discepoli, com’era chino,

lavò li piedi e ripeté ‘sta scena,

a uno a uno fin’a che co pena

fu er turno poi de Pietro che vicino …

***

… Je disse: “Mai me laverai li piedi!”,

– “Si nun li laverò” – Gesù rispose,

“ner Regno Mio nun entrerai, nun credi!

***

Io v’ho inzegnato a fà tutte ‘ste cose,

perché le arifarete a l’artri eredi,

come ch’ho fatto Io, in pari dose”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***