Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 30, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

30 marzo 2018

T

T

***

T’hanno inchiodato sopra a quela Croce,

sospeso lì a metà, tra tera e Cèlo,

nun j’è sfiorato manco pelo pelo,

de tojete un supplizzio così atroce.

 ***

S’è fatto bujo notte e poi quer velo

der Tempio s’è squarciato e er monno a coce,

“Tutto è compiuto”, a chiude la Tua voce,

ma no l’urtima riga der Vangelo.

 ***

“Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”

L’ennecasillabbo che più sconvorge,

pe fatte omo più de ’gni artro stato.

 ***

Appeso a quela Croce a capovorge

’gni umana concezzione der Creato,

tre giorni soli, prima de risorge.

***

Stefano Agostino

___________________________

***