Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for aprile 15th, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

15 aprile 2018

Lazio – Roma

Lazio – Roma: 0-0

***

Nun c’è tanto da dì su ‘sta partita,

finita zero a zero e co du’ legni,

un palo e ‘na traverza, ma me ‘nzegni

che tocca guardà poi come ch’è ita.

***

‘Na gara in cui pure che te ce ‘ngegni,

nun trovi spunti più co artre dita,

che la traverza e er palo, poi è finita

senza che l’uno a l’artro tiri e segni.

***

Ma era importante mantené er distacco,

co chi ce segue e lo scontro diretto

co chi sta pari ch’è già un mezzo stacco.

***

Quinni va bene er pari (anche un po’ stretto),

ma è ancora tutto in gioco e ce sta un pacco,

ch’è tutto infiocchettato … e qui la smetto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

***

Così Gesù je disse: “Pace a voi”,

ma vide li discepoli turbati,

“Nun so’ un fantasma, ciò li connotati

de chi era morto e è risorto poi.

***

Toccate, mano e piedi traforati,

so’ carne e ossa vive e no d’eroi,

ciavete da magnà?” – “Der pesce, vòi?”

E lo magnò tra sguardi estasiati.

***

“Come sta scritto”, allora poi riprese,

“er Cristo aveva da soffrì er supplizzio

de quela Croce pe lavà l’offese …

***

… antiche e li peccati da l’inizzio,

pe poi arisorge e accoje a braccia tese

 chi se converte e nun pe fà er Giudizzio”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***