Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile 24, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

24 aprile 2018

Liverpool – Roma C.L.

Liverpool – Roma: 5-2

***

Nun se pò nun penzà a ‘na rimonta,

dopo ‘sti due golletti sarva-faccia,

era disfatta, era figuraccia,

adesso è ‘na sconfitta che nun smonta.

***

Se sa, ce vò un’impresa che la scaccia,

ma c’è riuscita una e questo conta,

armeno c’è partita e la si affronta

ancora pe giocalla su ‘sta traccia.

***

E com’è stato già p’er Barcellona,

ce s’ha da crede tutti, fin’a la fine,

hai visto mai che sia l’annata bona.

***

C’è da provacce e fàllo tutti assieme,

buttanno er còre ortre ‘gni confine,

nun c’è nemico che ‘sta Roma teme.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

A quanno un Governo?

A quanno un Governo?

***

Tra giri assurdi de conzurtazzioni,

mischiati cor mannato eplorativo,

quer che già era scasso recidivo,

sta a diventà rottura de cojoni.

***

Tra chiacchiere e giochetti a chi è più divo,

ce sta un Paese che viaggia a magoni,

da troppo tempo in mano a li papponi,

fatica a dì ch’è ancora in piedi e attivo.

***

Passeno mesi e nun se fa er Governo,

nemmanco mai ‘na legge elettorale

che metta fine a ‘sto periodo eterno.

***

In cui er quaqquaraqquà è tal’e quale

a quello der pollaio sempiterno,

galli a cantà, ma resta notte uguale.

***

Stefano Agostino

___________________________

***