Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di giugno 5, 2018

I sonetti romani,Tempi d'oggi

5 giugno 2018

Ramo spezzato

ramo spezzato

Ramo spezzato

***

Voleva portà un fiore a la regazza,

l’aveva visto ar centro de un’aiola,

così se disse solo ‘sta parola:

“L’arubbo” come fa ‘na ladra gazza.

******

Ma entranno ner recinto, co la sòla,

un ramo nun ha retto quela stazza,

s’è rotto come fa er biscotto in tazza,

spezzato come sotto a ‘na tajola.

***

 E mó, pe ‘sto reato ch’ha commesso,

se la deve vedé cor maggistrato,

ch’è j’ha allestito er banco der processo.

***

Così che pe quer ramo ch’ha spezzato,

pe arigalà un ber fiore ar gentir sesso,

rischia d’annà a bottega, carcerato!

***

Stefano Agostino

____________________________

***