Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for luglio 4th, 2018

I sonetti romani,Romanamente

4 luglio 2018

Caronte ar fronte

Caronte ar fronte

***

Ce se prospetta ‘st’artro anticiclone,

che poi è un ritorno a riguardà la fonte,

sta pronto a traghettacce er sor “Caronte”,

indentr’ar forno cotti sur carbone.

***

E già ar sentore solo a l’orizzonte,

de l’AFA da boccheggio ciò er magone,

vabbè, lo so, se sa, … dice è staggione,

ma a l’idea me ‘nfracico la fronte.

***

Manco je posso dì: “Non ti crucciare,

vuolsì così colà dove si puote,

ciò che si vuole e più non dimandare” …

***

… Ché qui nun c’è un Virgilio a fà da perno,

ce sò in compenzo le “dolenti note”,

che sta a arivà un anticipo de Inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***