Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di luglio 15, 2018

La Roma in rima

15 luglio 2018

Fine der mondiale

Fine der mondiale

***

Così er mondiale se n’è ito in Francia,

da quer Macron, ch’è mister simpatia,

da li franzosi, tutti in alegria,

che già er penziero me dà er mar de pancia.

***

Ma d’artra parte, senza ipocrisia,

e senza che se scomodi ‘gni guancia,

che ner soriso mica se sbilancia,

se lo sò meritati su la via.

***

La via ch’ha visto uscì tutte le granni,

ner mentre ‘sti galletti tranzarpini

sò iti avanti senza intoppi e inganni.

***

L’Italia, intanto, pe evità casini,

s’è riposata a lavà li panni,

inzaccherati da troppi quatrini ?!?

 ***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

***

Gesù scerze settantadue e je disse

d’annà pe le città a parlà der Regno,

senza portà bisacce o artro fregno,

spiegannoje ‘ste poche cose fisse:

***

“Annate a dà la pace! Si uno è degno,

j’ariverà, … ma qua famo a capisse,

si nun v’accojeranno, nun fate risse,

sgrullateve la porvere pe segno.

***

Quela città, ner giorno der Giudizzio,

verà distrutta e a dì distrutta è poco,

nimmanco fa er comincio de l’inizzio.

***

Ma voi gioite, no p’evità er foco,

co li demóni e ‘gni loro supplizzio,

ma perch’è scritto in Cèlo er vostro Loco.

***

Stefano Agostino

________________________

***