Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio 29th, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Luglio 2018

La mortiplicazzione de li pani e de li pesci

La mortiplicazzione de li pani e de li pesci

***

“Ce sò du’ pesci e appena cinque pani,

che je daremo da magnà a ’sta gente,

venuta fin’a qui? Chi se la sente

de dije annate a casa e a domani?”

 ***

Gesù arispose: “Nun je dite gnente,

contate quanti sò ’st’esseri umani.”

“Sò cinquemila e manco tutti sani”,

“Mó magneranno abbonnantemente”.

 ***

E detto questo arzò quel’occhi ar cèlo,

e rese grazzie poi ar Padre Celeste,

spezzò quer pane, segno der Vangelo.

 ***

Magnarono le cinquemila teste,

er pane e er pesce, tutte, e co gran zelo,

ché sò avanzate poi dodici ceste.

***

Stefano Agostino

________________________

***