Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di luglio 30, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

30 luglio 2018

Boccata d’aria

Boccata d’aria

***

Esco da ’sto cemento e sto in terazzo,

p’arigalamme un mozzico de cèlo,

ridotto com’è mó, sempre più a un velo,

coperto da le grate der palazzo.

 ***

E da quassù, sfidanno pure er gelo,

me metto a guardà er monno e me sollazzo,

l’inzieme de colori a fà un arazzo,

a cui j’han dato vita ’ndentro ar telo.

 ***

E vedo l’orizzonte in porporina,

che friccica de luce immagginaria,

che ’ndó sto io, nemmanco in cartolina.

 ***

E propio su ’sta scena planetaria,

co un sorzo in bocca d’aria libbertina,

m’è già passata un’ora, l’ora d’aria…

***

Stefano Agostino

________________________

***