Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for luglio 31st, 2018

Pillole

31 luglio 2018

“Luglio” testo rivisitato e corretto

“Luglio” testo rivisitato e corretto

***

Lujo, un mese ch’è ‘no scojo,

che nun finisce mai … ia ia ia iahi.

Lujo, un callo che me squajo

e un’afa che nun sai … ia ia ia iahi.

Solo tu, che stai ar mare,

grazzie ar ca…, fai come te pare,

e dicevi… lujo ce porterà fortuna

… te credo stai a Corfù …

 Io me ‘ncoccio sott’ar Sole

un callo che se mòre

in metro pòro me…

***

Lujo, però si nun me sbajo

domani sloggerai … ia ia ia iahi,

lujo, ma penza tu che guaio,

quanno aritornerai … ia ia ia iahi,

ma perché …. ‘gni anno aritorni,

sempre tu … trentuno giorni,

ma tra poco, a costo che te sfanculi agosto

 me maschero da gnù …

basta che mentre lasci er posto

er grill ar girarosto

io nun lo faccio più ….

***

Lujo adesso già sto mejo

che bello te ne vai … ia ia ia iahi

lujo, ma penza si me svejo

è ar 5 ancora stai … ia ia ia iahi

si è così, prenno e m’ammazzo,

tanto tu m’hai rotto er ca…zzo,

ma peffortuna, lo dice anche la Luna

ch’er primo agosto è lì,

lujo, sparisci cor tuo imbrojo

ner mentre che me sdraio … io te sfanculo qui ...

la la la la la la la la la la ia ia ia iahi…

***

Stefano Agostino

***