Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 3, 2018

Frammenti di Roma,I sonetti romani

3 agosto 2018

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

***

È granne guasi quanto er Colosseo,

ma a Roma nun c’è un artro monumento,

che ha cambiato faccia a gradimento,

finenno come adesso a fà er museo.

 ***

Cosi che quanno ch’è girato er vento,

da ch’era inizziarmente un mausoleo,

fu carcere, poi loco mediceo,

reggia papale in der Rinascimento.

 ***

Ha preso er nome propio der Castello,

pe l’Angelo che osò sguainà la spada,

sarvanno Roma da un triste flaggello.

 ***

Si sali in cima, casomai t’aggrada,

fa’ in modo de aringrazziallo a quello,

prima de scenne e aritornà pe strada.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***