Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di agosto 18, 2018

I sonetti romani

18 agosto 2018

Aldo Fabrizi – Er sogno

Er sogno

***

Me pareva de stà su ‘na montagna,

e urlavo in un megafono spazziale:

“Popolazzione mia, che campi male,

accostete qui sotto ché se magna!”

***

Poi come fussi er Re de la Cuccagna,

buttavo giù, pe un’orgia generale,

valanghe de spaghetti cor guanciale,

che allagaveno tutta la campagna.

***

E vedevo signori e poveretti,

in uno sterminato affollamento,

a pecoroni sopra li spaghetti.

***

Quann’ecchete dar cèlo spuntà Dio,

co un forchettone in mano e fà: “Un momento,

si permettete ce sto pure Io!”

***

Aldo Fabrizi

____________________________