Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre 9, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

9 settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

***

Gesù, come fu ar mar de Galilea,

quanno se seppe de ch’era venuto,

quarcuno je portò un sordomuto,

tra tutta l’artra gente, bona o rea.

***

E Lui, lontano da la folla e er fiuto,

ché granne s’era fatta la nomea,

impose mano ar muto de contea,

disse “Effatà” così che in quer minuto …

***

… a quello je s’aperze er sordo orecchio,

la lingua je se sciorze e già parlava,

… Gesù je fece: “Nun dì gnente, vecchio”.

***

Ma intanto fra la gente che ce stava,

s’annava ariccontando, e assai parecchio,

de quer Gesù e de come che sanava.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***