Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di settembre 10, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

10 settembre 2018

Scolaro pe sempre

Scolaro pe sempre

***

‘Gni vorta che cominceno le scòle,

me pare de sentì la campanella,

la prima ora, er banco, la cartella,

su la lavagna schizzi de parole.

***

Lo so che ciò un’età attempatella,

ma er penziero va più ’ndove vole,

aripercore er tempo de le spole

tra casa e classe, che mai se scancella.

***

Vecchi compagni e vecchi professori

er preside e tante facce nòve,

li libbri da comprà, penne e colori.

***

La compagnuccia e le prime prove

de quanno che pe sempre te ‘nnamori,

ciò l’occhi e er viso lucidi, … ma piove?

***

Stefano Agostino

___________________

***