Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 2, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

2 ottobre 2018

Roma – Viktoria Plzen C.L.

Roma – Viktoria Plzen: 5-0

***

Cinquina o più “manita”, cinque a zero,

tre go’ de Dzeko, eppoi, uno ciascuno

Under pe prima e Kluivert, pe quarcuno

che già stava a trovaje un buco nero.

***

Ché cinque go’, pure che co nessuno,

l’hai fatti sempre in Champions pe davero,

in gare vere e no co un forestiero

che nun se sa si viè giù da Nettuno.

***

Ce sta da seguità su ‘sto cammino

che vòle dì segnà e gronnà sudore,

come ch’hai fatto co quer duo burino …

***

… e poi stasera a accenne ‘sto motore

a cui serviva de brindà cor vino

a un novo inizzio, certo più mijore.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Li nonni

Li nonni

***

Sò padri e madri, tutto a la seconna,

mortipricano er senzo de famija,

se fanno in quattro, senza batte cija,

pe li nipoti – chi? – Sò nonno e nonna.

*** 

Sempre a combatte chi co ’na pastija,

chi cor bastone, chi in quarche madonna,

chi co ’na copertina e chi s’assonna,

batuffolo, in piggiama de cinija.

 ***

Ma tra l’acciacchi troveno er soriso,

d’arigalà ’gni sempre ar nipotino,

ne l’occhi che sbrilluccicheno er viso …

 ***

… che ce fa compagnia su ’sto cammino,

anche si stanno tutti in Paradiso,

dentr’a un ricordo dorce da bambino.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***