Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for ottobre 6th, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

6 ottobre 2018

Empoli – Roma

Empoli – Roma: 0-2

***

E ce lo so ch’è stata in sofferenza,

ma io stavorta me prenno tre punti,

pure si ciancicati e anche un po’ unti,

ma der ber gioco posso fanne senza.

***

Perché pe come semo fin qui giunti,

dopo ‘na quanto mai farza partenza,

serviva de fà legna a l’occorenza,

pe tutto er resto c’è da pià l’appunti.

***

Segna ‘Nzonzi così pe l’uno a zero,

poi l’Empoli che sbaja su rigore

tirato su a le stelle pe davero.

***

Poi tante azzioni loro a dà dolore,

fin quanno Dzeko toje er velo nero

a ‘sta partita dannoje colore.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Aldo Fabrizi: Magnà e dormì

Aldo Fabrizi - Magnà e dormì

Magnà e dormì

***

Sò du’ vizzietti, me diceva nonno,

che mai nessuno te li pò levà,

perchè sò necessari pe campà,

sin dar momento che venimo ar monno.

***

Er primo vizzio provoca er seconno:

er sonno mette fame e fa magnà,

doppo magnato, t’aripija sonno,

poi t’arzi, magni e torni a riposà.

***

Insomma la magnata e la dormita,

massimamente in una certa età,

sò l’uniche du gioje de la vita.

***

La sola differenza è questa qui:

che pure si ciai sonno pòi magnà,

ma si ciai fame mica pòi dormì.

***

Aldo Fabrizi

____________________

***