Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 7, 2018

I sonetti romani,Romanamente

7 ottobre 2018

Er cuscino in faccia

er cuscino in faccia

Er cuscino in faccia

***

Me so’ svejato co un’impronta in faccia,

quella stampata esatta der cuscino,

possibbile che semo già ar matino

e m’aritocca un’artra levataccia?

***

Me sento un fojo da gettà ar cestino,

‘na palla co lo scotch de carta straccia,

da tiro da tre punti e arzà le braccia

e dopo quer canestro fà un inchino.

***

E nun m’areggo in piedi e caracollo,

nun riesco a sbatte l’occhi manco a forza,

sbadijo e er viso s’attracolla ar collo.

***

Ché tornerebbe a letto mo e de corza,

e mentre penzo a questo e già barcollo,

a ‘gni “BONGIORNO” er tutto s’arintorza.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er ripudio de la moje”

Dar Vangelo der giorno: “er ripudio de la moje”

***

Li farisei, pe mettelo a la prova,

je chiesero: “È lecito, Maestro,

aripudià la moje?” e a Lui er destro

je diedero pe dì: “Nessuno smova …

***

… quer che comanna Dio che mai è capestro

de l’omo co ‘na donna e quale arcova,

senz’artri in mezzo e chi lì ce se trova

adurtero se fa e quant’è mardestro.

***

Chi manna via ‘na moje e s’arisposa

commette adurterio e viceverza,

si è lei a lassà er marito, stessa cosa.

***

E l’omo nun divida e manni perza

l’unione che da Dio ha avuto posa,

ché su ‘sta cosa nun se ride e scherza”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***