Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 15, 2018

I sonetti romani,Romanamente

15 ottobre 2018

Me chiedeno de scrive in italiano

Me chiedeno de scrive in italiano

***

Me chiedeno de scrive in italiano,

e devo dì ciò pure un po’ provato,

ma dopo er primo verzo ho già sgarato,

è più forte de me, scrive in romano.

***

Nun dico romanesco, ch’è più usato,

pe innicà er dialetto qui de mano,

me piace più da usà er nome nostrano,

ROMANO, appunto. Termine più amato.

***

È quarche cosa mio de viscerale,

che sgorga da l’interno più profonno,

da quer che sento, come viè, normale.

***

E senza quer quarcosa granne un monno,

che imbrillantina er verzo de speciale,

più che un sonetto, er mio, sarebbe un sonno.

***

Stefano Agostino

_______________________________

ééé

I sonetti romani,Romanamente

Delusione “salvimaio”

Delusione “salvimaio”

***

Anche quest’artri granne delusione,

promesse elettorali de parole,

che già se stanno tutte a squajà ar sole,

che nun è manco quello de staggione.

***

Sembraveno la svorta, co ‘na mole

de bell’intenti e de ‘gni bona azzione,

in grado de aridà a ‘sta nazzione

un suo Governo ch’è come Dio vole …

***

… e invece passa er tempo e man a mano

se stanno a comportà come in passato

quelli de prima, già schifati invano.

***

Co bona pace de l’elettorato

e peggio più der popolo italiano,

pe un’artra vorta ancora cojonato.

***

Stefano Agostino

____________________

***