Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 19, 2018

I sonetti romani,Romanamente

19 ottobre 2018

Er Venerdì

Er Venerdì

***

È er preferito, odora de riposo,

er quinto giorno de la settimana,

solo l’idea, de ’ncanto, m’allontana,

dar posto de lavoro ’ndò so’ esploso.

 ***

Er venerdì è un vero toccasana,

si fosse donna, je farei da sposo,

l’aspetto da quer dì, e er verzo chioso,

com’er bambino aspetta la Befana.

***

È l’apripista der “uichend” sognato,

quann’è matina presto che già arbeggia,

la sveja nun commette più un reato.

 ***

Me sento un Re ar centro de la reggia,

pe un attimo de pace ch’è passato,

… ritorna Lunedì che me schiaffeggia.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***