Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 20, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

20 ottobre 2018

Roma – Spal

Roma – Spal: 0-2

***

Partita che nun merita commento,

né perde tempo in granni incazzature,

nun merita chissà che congetture,

legate a cercà cause in modo attento.

***

De dà ‘na spiegazzione e le misure

come a capì er perché de ‘sto momento,

né tanto meno stà a rincore er vento

in cerca der motivo o vane cure.

***

Nun merita un ber gnente chi nun lotta

chi nun ce mette er còre pe ‘sta maja

chi nun la onora, anzi la smignotta.

***

Chi nun sa che vor dì de dà battaja

pe ‘sti colori e ‘sta città che adotta

chi ce se sente fìo, lupo e no quaja.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Aldo Fabrizi – Come viè più bona?

Come viè più bona?

***

È sempre bona, come sia, stufata,

a scappa-e-fuggi, ar sàrto, abbrustolita,

ar naturale, semprice, farcita,

bollente, fredda, tiepida, gelata.

***

Ar dente, scotta, inzipida, salata,

bastarda, inciafrujata, rotta, trita,

a la “franzosa”, molla e aribbollita,

a la “svizzera”, languida e incollata.

***

Abbasta solo a scoperchià un tigame,

la panza attacca quer gorgheggiamento,

che pare com’er coro de la fame.

***

E fate caso, quanno se scudella,

chi cià l’incrinazzione ar sentimento,

se sente ride tutte le budella.

***

Aldo Fabrizi

___________________________

***