Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 23, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

23 ottobre 2018

Roma – CSKA C.L.

Roma – CSKA: 3-0

***

Tre a zero, triplo fischio, tutti a casa,

Dzeko doppietta, Under chiude er conto,

un’artra Roma dopo quer confronto

contro la Spal da fà tabula rasa.

***

Cambiato tutto, che ce esci tonto,

prima quela sconfitta che te ‘ntasa,

poi ‘sta vittoria che invece te gasa

ner giro de tre giorni, senza sconto.

***

Quest’è la Roma che te strappa er còre,

e che te fa ‘ncazzà a lo stesso istante,

lo pò sapé solo chi cià ‘st’amore.

***

Quest’è la Roma e chi je sta distante

è segno che nun merita l’onore

de amalla già da quanno sei un poppante.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Mòre er santo

Mòre er santo

***

E mòre er santo, sì, mòre er malato,

mòre chi nun se lagna e chi è un poraccio,

mòre chi vive solo, come straccio,

mòre er signore, pòro e arovinato.

*** 

Mòre chi lega un laccio forte ar braccio,

chi nun lo sa nemmanco lui si è nato,

chi ama, quanno er reso nun è er dato,

e chi nun sa più strignese in abbraccio.

 ***

Mòre chi nun lo sfonna mai quer muro,

chi sbaja e sbaja e sbaja e ancora e assai,

chi cià un NO così dentr’ar futuro.

cos ***

Mòre chi soffre e chi campa de guai,

ma de ’na cosa pòi stanne sicuro:

chi rompe er cazzo, lui, nun mòre mai.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***