Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Novembre 2018

Che brutta bestia

Che brutta bestia

***

Invidia, brutta bestia, dice er detto,

ché come daje torto: l’invidioso

sta male solo lui, ch’è rancoroso,

nun certo l’artro, der suo astio oggetto.

***

Se rosica in der dentro finché eroso

se n’esce de sicuro in un verdetto,

tanto pe gettà er fango ar poveretto

ch’è invidiato più ch’er mejo sposo.

***

Pure chi invidia solo in senzo bono,

che  poi ma che vor dì … è invidia uguale

mischiata da ‘na maschera a perdono …

***

… me piace poco, ché apre er canale

ar serpentello viscido che in dono

je lassa un paragone che fa male.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

A tavola,I sonetti romani

29 Novembre 2018

Ajo ojo e peperoncino

Ajo ojo e peperoncino

***

Ne l’ajo e ojo cor peperoncino,

ché si nun picca e picca ar punto giusto,

che ce l’hai a fà er senzo tuo der gusto,

che pare più quello de un manichino?

***

Se useno li spaghi e un ber combusto

tra l’ojo ch’è extravergine e er più fino,

l’ajo in spicchietti, a rosolà e un pelino

de foje de prezzemolo d’aggiusto.

**

C’è chi ce aggiunge poi un filo d’alici

pe daje quer sapore più deciso,

d’annacquolì er palato e le narici.

***

È er piatto che te fa tornà er soriso,

ch’è mejo si magnato co l’amici,

venuti a mezzanotte o a l’improviso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

27 Novembre 2018

Roma – Real Madrid C.L.

Roma – Real Madrid: 0-2

***

Nun se pò commentà in de un sonetto

er primo tempo assieme cor seconno,

sò du’ cose diverze ner profonno,

che nun capisci quale è er verzo retto.

***

Ner primo tempo a li più forti ar monno,

armeno ne la storia è er lor verdetto,

la Roma pare voja fà un dispetto,

che nun je riesce pe un microseconno.

***

Ma ner seconno tempo cambia scena,

la Roma torna quella senza rabbia

che fa arimpone sempre pranzo e cena.

***

Ma ‘na conzolazzione in de ‘sta gabbia

sta che comunque passa er turno e in vena

nun s’è arenata sotto de la sabbia.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

L’ora pe scrive un sonetto

L’ora pe scrive un sonetto

***

Nun ce sta un’ora pe scrive un sonetto,

come che sgorga l’hai da daje forma,

e nun importa, pure che tu dorma,

lo hai da butta giù, e te dar letto.

***

Ché prima che già cambia e se deforma,

l’hai da trascrive come viè de getto,

dar centro der profonno ‘ndentr’ar petto,

ner lievito che intanto se ariforma.

***

Così succede a me, che ho ariscontrato

che si nun metto in rima quer penziero

che nasce come che v’ho ariccontato …

***

… passa un minuto, pure manco intero

che già quer verzo s’è come ammosciato,

pe perde de sapore, quello vero.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani

26 Novembre 2018

Nun risparmià un soriso

Nun risparmià un soriso

***

Nun lesinallo mai, dico, er soriso,

anche quanno te costa ‘na fatica,

perché lo devi fà a chi, poi, mica

se lo merita tanto quer tuo viso.

***

Ascorta questa mia parola amica,

nun trattenello mai pe te, quer riso

ch’hai da improntà pe sempre a l’improviso,

de còre e pieno e Dio te benedica.

***

Perché quela perzona a cui è rivorto,

che tu magara penzi nun lo vale,

si sta così è propio pe un risvorto …

***

… de chi ha vissuto sempre a inzeguì un sogno,

d’avé quarcuno che, de naturale,

je soridesse … e più ce n’ha bisogno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

24 Novembre 2018

Udinese – Roma

Udinese – Roma: 1-0

***

Nun c’è da dì granché, mejo stà zitti,

d’artronne che pòi aggiunge a l’evidenza?

De troppe cose se lamenta assenza,

co li probbremi che se fanno fitti.

***

‘Ndov’è che sta, nun so, la diriggenza?

E certi giocatori che sò fritti?

E li traguardi che mó quanno affitti,

prima de chiude a un posto de decenza?

***

Nun è la sosta de la Nazzionale,

nun è un passaggio a vòto che succede,

è tutto che nun va o gira male.

***

C’è chi sta cosa qua nun la vò vede,

ma intanto stamo a un mese dar Natale,

co l’artre a córe e noi a liscià er piede.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Trilussa: “La statistica”

trilussa - la statistica

La statistica

***

Sai ched’è la statistica?  E’ ‘na cosa,

che serve pe fà un conto in generale,

de la gente che nasce, che sta male,

che more, che va in carcere e che sposa.

***

Ma pe me la statistica curiosa,

è dove c’entra la percentuale,

pe via che, lì, la media è sempre uguale,

puro co la perzona abbisognosa.

***

Me spiego: da li conti che se fanno,

seconno le statistiche d’adesso,

risurta che te tocca un pollo a l’anno.

***

E si nun entra ne le spese tue,

t’entra ne la statistica lo stesso,

perchè c’è un antro che ne magna due.

***

Trilussa

____________

***