Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre 4, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

4 novembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “er comannamento più granne”

Dar Vangelo der giorno:

“er comannamento più granne”

***

Li farisei je chiesero un ber giorno:

“Qual è de Dio er più gran comannamento?”

“D’amallo”, j’arispose in un momento:

“co còre, mente e anima, lì intorno”.

***

E d’un amore vero, un sentimento,

che nun se dà p’avé un quarche ritorno,

de quer ch’abbrucia callo, come un forno,

e nun se spegne co un soffio de vento.

***

Gesù poi continuò: “Ce n’è un seconno

ch’è pari ar primo e che è un suo riflesso,

e vale pe ‘gni tizzio de ‘sto monno.

***

È quello d’amà er prossimo ch’è appresso

preciso, uguale, chiaro e a tutto tónno,

a come ‘gnuno ama er suo io stesso”.

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***