Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 15th, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Novembre 2018

M’affido a Dio

M’affido a Dio

***

M’affido a Dio, io sì, m’affido a Dio,

come un pupetto fa cor genitore,

se fida perché sente quer calore

che cià ‘na madre o un padre pe su’ fìo.

***

M’affido a Dio, in Lui, ch’è mio Signore,

ripongo tutto ‘sto cammino mio,

che, certo, l’ho da costruì anch’io,

ma ‘ndov’andrebbe io senza er Suo Amore.

***

M’affido a Dio che m’ha voluto ar monno

e si l’ha fatto cià da èsse un fine

e pe capillo, fino in der profonno …

***

… m’affido a Lui, no a farzi re e regine,

che dureno er passo d’un seconno,

quanno ch’er Tempo Suo nun cià confine.

***

Stefano Agostino

______________________________

***