Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 19 Novembre, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Novembre 2018

Cane e padrone

canepad1

Cane e padrone

***

Nun se sa, fa li due, chi era er più vecchio,

si quer vecchietto tutto arincarcato,

o er cane suo, da sempre appennicato,

co ‘na macchietta bianca inzù l’orecchio.

***

Ma er fatto è che ‘sto duo rabberciato,

faceva coppia fissa, come a specchio,

quanno te guardi fronte e de sottecchio,

te vedi lì arifresso, spiccicato.

***

Nun so chi mai portava l’artro a zonzo,

si er padrone ar cane o viceverza,

conzideranno er primo sempre sbronzo.

***

Ma so quanto me manca, mo’ disperza,

quela scenetta viva che, da stronzo,

l’ho sempre giudicata vita perza.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***