Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 27 Novembre, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

27 Novembre 2018

Roma – Real Madrid C.L.

Roma – Real Madrid: 0-2

***

Nun se pò commentà in de un sonetto

er primo tempo assieme cor seconno,

sò du’ cose diverze ner profonno,

che nun capisci quale è er verzo retto.

***

Ner primo tempo a li più forti ar monno,

armeno ne la storia è er lor verdetto,

la Roma pare voja fà un dispetto,

che nun je riesce pe un microseconno.

***

Ma ner seconno tempo cambia scena,

la Roma torna quella senza rabbia

che fa arimpone sempre pranzo e cena.

***

Ma ‘na conzolazzione in de ‘sta gabbia

sta che comunque passa er turno e in vena

nun s’è arenata sotto de la sabbia.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

L’ora pe scrive un sonetto

L’ora pe scrive un sonetto

***

Nun ce sta un’ora pe scrive un sonetto,

come che sgorga l’hai da daje forma,

e nun importa, pure che tu dorma,

lo hai da butta giù, e te dar letto.

***

Ché prima che già cambia e se deforma,

l’hai da trascrive come viè de getto,

dar centro der profonno ‘ndentr’ar petto,

ner lievito che intanto se ariforma.

***

Così succede a me, che ho ariscontrato

che si nun metto in rima quer penziero

che nasce come che v’ho ariccontato …

***

… passa un minuto, pure manco intero

che già quer verzo s’è come ammosciato,

pe perde de sapore, quello vero.

***

Stefano Agostino

______________________

***