Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre, 2018

Poesie romanesche

25 Dicembre 2018

Letterina a Gesù Bambino

Letterina a Gesù Bambino

***

Ner giorno esatto der Santo Natale,

’na letterina a Gesù Bambino,

de quelle da tené sott’ ar cuscino,

ché tanto, ce lo so, le legge uguale.

 ***

Caro Gesù, te chiedo, èssi vicino

a ’gni omo che se la sta a passà male,

a chi nun ha capito quanto vale

rimette Te ar centro der Destino.

 ***

E metti pace ’ndó ce sta la guera,

e la salute ’ndó c’è malatia,

rigala er giorno a chi cià solo sera.

 ***

Trasforma ’gni tristezza in alegria,

leva la fame e sete da ’sta Tera,

e sia giustizzia ’ndó c’è tirannia.

 ***

Rimbocca Tu l’amore ovunque c’era

e a l’improviso se n’è ito via,

per un seconno o pe ’na vita intera.

 ***

Già che ce sei, fa’ che ’sta fantasia,

pe quanto assurda, me diventi vera.

Nun chiedo artro. STOP. E così sia.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Dicembre 2018

La Viggija der Santo Natale

La Viggija der Santo Natale

***

È la Viggija der Santo Natale,

è un córi-córi che te batte in testa:

chi va de qua e chi là e chi s’appresta

a fà er cenone, coco o commenzale.

 ***

È sera, è tutto pronto, e ormai nun resta

che rènne ’gni famija più ospitale,

’na tavola ’mbandita de speciale

e un arbero ch’è acceso a dì ch’è festa.

 ***

È mezzanotte, bacia quer Bambino,

poi mettilo, tra er bue e l’asinello,

dì ’na preghiera e faje poi un inchino.

 ***

Che ’sto Natale, sotto a l’arberello,

lo possa passà pure ’gni vicino,

che nun cià mai un ber giorno come quello.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Dicembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria”

Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria” 

 ***

Dopo quer fatto de l’Annunciazzione,

Maria s’arzo e de tigna, in tutta fretta,

annò da la cuggina Elisabbetta,

pe visitalla in de la gestazzione.

***

Quann’arivò la salutò perfetta

e appena salutata … “Che emozzione”

– je fece la cuggina – “e che scossone,

m’ha dato er pupo  …  Tu sia benedetta …

***

… tra donne e che sia benedetto er frutto

der Tuo grembo, perché Tu hai creduto

a la Parola, a Dio e ai Suo Costrutto”.

***

No come Zaccaria che mó era muto,

ché nun credette a l’Angelo, ber putto,

sur fìo Giovanni che ciavrebbe avuto.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

22 Dicembre 2018

Juventus – Roma

Juventus – Roma: 1-0

***

Nun vojo véde ar fatto d’avé perzo,

ché poi nun porta da chissà che parte,

vojo guardà, a raggionà in disparte,

a l’obbiettivo che nun è ‘no scherzo.

***

Er quarto posto, a meno quattro carte,

nun è lontano anni luce e avverzo,

chi sta davanti, armeno fino ar terzo,

se pò raggiunge e nun viè mai da Marte.

***

Vojo vedé che j’hai tenuto testa,

a questi che sò macchina da guera,

ché a la fine è er fatto che più resta.

***

C’è poi un girone e chi la vede nera,

è pure quello che si c’è ‘na festa

nun ride mai e pure poco spera.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Er presepe

er presepe

Er presepe

***

Io cor presepe torno un po’ pischello,

casette illuminate e li pastori,

che aggiorna e annotta, un misto de colori,

tra pecorelle, er bue e l’asinello.

***

Tra sassi e ghiaia, er muschio e li rumori,

de mestieranti e de quer mulinello,

co la carta stagnola a fà er ruscello,

ner cèlo ’na cometa de chiarori.

 ***

Mentre lo guardo l’occhio me se ’ncanta,

se fissa su la grotta e lì vicino,

polistirolo a neve che s’ammanta.

 ***

Me trovo a raggionà da regazzino,

chissà com’era quela Notte Santa,

e a un tratto ariempie tutto quer Bambino…

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Dicembre 2018

Sorstizzio de ‘nverno

Sorstizzio de ‘nverno

***

Ventuno de dicembre, er più nanetto,

tra tutti l’artri dì der calennario,

s’apre l’inverno, che arza er sipario,

er tempo, tutt’a un botto, cambia aspetto.

^^^

Ner giorno de sorstizzio sur diario

no er tredici dicembre de quer detto,

la luce dura meno co l’effetto

de allungà a la notte ‘gni binario.

***

Ma va appuntato pure sur quaderno,

che da domani, co un passo a la vorta,

aricomincia a cresce er tempo eterno …

***

… der Sole che arigala a ‘gni sua svorta,

pure ner gelo scuro de l’Inverno

‘gni giorno un po’ de luce in più de scorta.

***

Stefano Agostino

_________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Dicembre 2018

Nu’ je lo dite mai

Nu’ je lo dite mai

***

Nu’ je lo dite mai a li pupetti,

nemmanco quanno che sò grannicelli,

de Santa Claus chi è, e l’indovinelli

lassatejeli fà da regazzetti.

***

Nu’ je lo dite manco da pischelli,

nemmeno quanno metteno pizzetti,

lassate aperti ancora li cassetti

de sogni de ‘sti giovanotti belli.

***

Ma manco da regazzi dite gnente,

nun risponneteje a chi ve chiede

“chi è Babbo Natale veramente?”

***

E che vor dì, così, che nun se vede?

C’è un gran bisogno ancora, tra la gente,

de Santa Claus … e fatecela crede.

***

Stefano Agostino

_________________________

***