Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for dicembre 2nd, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

2 dicembre 2018

Roma – Inter

Roma – Inter: 2-2

***

Du’ vorte sotto ch’hai ricuperato,

pe un pari che nun è chissà che sfizzio,

ma armeno si nun artro è un indizzio

che se pò dì quarcosa in Campionato.

***

Che sia er pareggio un artro e novo inizzio,

pe annà a acchiappà er posto più bramato

de un piazzamento Champions che a lo stato

pare lontano più der tempo egizzio.

***

Under co Kolarov pe du’ pareggi

che sanno de rimonta e pe ‘na vorta

so l’artri a rosicà ne li punteggi.

***

C’è pure, pe chi cià memoria corta,

de aricordasse de ‘sti VAR egreggi

che fanno a arcuni torti e a l’artri torta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “segni dar Cèlo”

Dar Vangelo der giorno: “segni dar Cèlo”

***

Così veranno segni indentr’ar Sole

come ner Cèlo, e angoscia e anzia granni,

in mezzo a li mortali co li panni

tutti a tremà inzieme a occhi e gole.

***

Ovunque ce staranno grossi danni,

in cèlo, tera e mare e in quela prole

che nun ha dato ascorto a le Parole,

che Dio j’ha arivelato in anni e anni.

***

Quer giorno tornerà ne la Sua Gloria

er Fìo de l’Omo a dà libberazzione

a chi l’ha messo ar centro de la Storia.

***

Vejate quinni co trepidazzione,

e de ‘sta cosa fatene memoria,

pe evità così la perdizzione.

***

Stefano Agostino

________________________

***