Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for dicembre 5th, 2018

I sonetti romani,Romanamente

5 dicembre 2018

Da “Spelacchio” a “Spezzacchio”

Da “Spelacchio” a “Spezzacchio”

***

E l’anno scorzo a rompe co Spelacchio.

quest’anno ancora manco ch’è addobbato,

già l’hanno tutti quanti liquidato,

chiamannolo cor nome de Spezzacchio.

***

Pe via de quarche ramo ch’è spezzato,

tanto se sa cos’è che fa batacchio,

è er protestà  comunque, lo spauracchio

contro er Comune e chi c’è apportronato.

***

La Raggi è vero che ha già preso toppe

in modo pure spesso grossolano,

ma nun è un arbero a dà carci o coppe.

***

‘Sto modo tutto tipico italiano

de affossà chi ce commanna in troppe

vorte, ha fatto finì in brutte mano.

***

Stefano Agostino

____________________________

***