Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 8th, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

8 Dicembre 2018

Cagliari – Roma

Cagliari – Roma: 2-2

***

S’è trasformata quinni in un pareggio,

era vittoria fino a poco prima,

come potrò mai sonettà la rima,

senza annà a usà parole de dileggio?

***

Come se fà, dar due a zero in cima,

finì co un due a due ch’è un punteggio,

che nun è sortanto brutto, è pure peggio,

a mette er dito ne la piaga, a stima.

***

Va tutto storto, nun ce dice bene,

er resto è corpa nostra chiaramente,

che se pìamo sempre troppe pene.

***

Così prennemo un punto solamente,

che certo nun ce magni grosse cene,

c’è troppa gente che nun è presente.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

A Te, Maria

A Te, Maria

A Te, Maria

***

Co l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

ciài quer soriso ch’arisplenne e dona

a ’gni fijetto ’na carezza bona,

pe quanno che succede un quarche dramma.

***

La Tua presenza che mai ce abbandona,

retta da Amore, de cui sei la fiamma,

ce aspetta a braccia aperte cor programma

de Grazzie e Doni chiesti a Chi perdona.

 ***

Immacolata Tu sott’a quer velo,

l’azzuro intorno e cinta da le stelle,

che te ’ncoroneno tra tutto er Cèlo.

 ***

A madri e fìe, a nonne, zie e sorelle,

rigalaje un’anticchia der Tuo zelo,

pe fà le donne ar monno ancor più belle.

***

Stefano Agostino

____________________________

***